Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, pugni e calci a 16enne non vedente: la polizia ha individuato i due autori minorenni: accusati di lesioni aggravate

  • a
  • a
  • a

La polizia ha individuato gli aggressori del 16enne non vedente preso a pugni alle scale mobili la notte del 3 settembre ad Arezzo. Il disabile era con dei coetanei presso il parcheggio Pietri, luogo di ritrovo di molti giovani in alcune serate della settimana. Il gruppo della vittima, verso le 24 è stato avvicinato da un altro gruppo di minorenni.

In particolare due di questi, con fare arrogante, hanno iniziato a frugare nello zaino di un ragazzo alla ricerca di sigarette; dopo le proteste del proprietario dello zainetto, è intervenuto il disabile a difesa del suo amico, scatenando la reazione violenta dei due aggressori che improvvisamente hanno sferrato dei pugni al volto del 16enne, colpito anche con calci sulle gambe. Il ragazzo, a seguito dei colpi ricevuti, ha riportato alcune ecchimosi sul volto e la rottura di un dente.

Immediato l’intervento delle Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico che, mentre il giovane veniva soccorso all’Ospedale San Donato, si sono adoperate subito alla ricerca degli aggressori che nel frattempo si erano dati alla fuga. Le testimonianze dei numerosi avventori presenti al momento dei fatti raccolte, nell’immediatezza dei fatti, dagli agenti delle Volanti e, successivamente,  dalla Squadra Mobile della Questura di Arezzo, hanno comunque consentito di risalire all’identità dei due responsabili, di 17 e 16 anni, che sono stati deferiti per lesioni personali aggravate.

Nella mattinata di oggi, martedì 7 settembre, coordinati dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Firenze, Dr. Antonio Sangermano, gli agenti della Squadra Mobile hanno eseguito i decreti di perquisizione domiciliare emessi a carico degli indagati a seguito dei quali sono stati rinvenuti e sequestrati i telefoni cellulari. 

I due sono denunciati a piede libero per lesioni aggravate dalla minorata difesa della vittima e da un ulteriore articolo della legge che tutela per persone disabili.