Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, l'Orange Don Bosco riconsegna le chiavi dello stadio "Lorentini". La struttura torna a bando

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

L’Orange Don Bosco trasloca. Con un post sulla pagina ufficiale della società viene data la notizia della riconsegna delle chiavi dell’impianto “Lorentini” che si trova a Pescaiola. “Si chiude un capitolo, ma il libro continua”, scrive sul suo profilo social Marta Massai, figlia del presidente dell’Orange, Gino. Niente paura e nessuna morte improvvisa, perché l’Orange Don Bosco continuerà la sua attività in attesa di una nuova sistemazione. Ma ci saranno delle novità. L’Orange Don Bosco con questa denominazione proseguirà al campo del Dante e si iscriverà al campionato di Terza categoria che, dovrebbe ripartire ad ottobre insieme a tutti gli altri tornei. Per quanto riguarda invece i ragazzi che giocavano all’Orange, saranno tesserati dalla Tuscar. Le giovanili dunque giocheranno con la società del presidente Fulvio Rondini, mentre la prima squadra proseguirà come Orange Don Bosco. “Vogliamo ringraziare - sottolinea la famiglia Massai - sia la società della Tuscar che quella della Petrarca, perché ci hanno dato subito ospitalità. Le rivalità esistono solo in campo, come è normale che sia, perché fuori ci sono persone come Fulvio Rondini e Carlo Barsotti che si sono subito adoperate per cercare insieme una soluzione e per questo li ringraziamo”. Una soluzione temporanea, perché l’Orange Don Bosco tornerà a fare attività per conto suo non appena trovata una nuova struttura. E il campo “Lorentini” di Pescaiola? La domanda l’abbiamo girata all’assessore allo sport del Comune di Arezzo, Federico Scapecchi: “Il campo da calcio Lorentini - conferma - è stato ripreso dal Comune in quanto la convenzione era scaduta da tempo. Adesso necessita di interventi di manutenzione straordinaria”. Poi la struttura a Pescaiola tornerà di nuovo a bando. Intanto dal 24 agosto è stato rinnovato l’avviso pubblico grazie al quale le associazioni e le società sportive potranno fare richiesta di una palestra o di un palazzetto e consentire così libero accesso a coloro che vogliono tornare a fare sport. Nel sito del Comune di Arezzo è già in pubblicazione la graduatoria che regola l’assegnazione degli impianti comunali. Sono ammessi a partecipare i soggetti riconosciuti dal Coni. Le istanze, esclusivamente online, verranno accolte sulla base dell’ordine cronologico di presentazione. Per eventuali informazioni e chiarimenti è possibile contattare preventivamente l’Ufficio sport.