Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, don Alvaro: "La Madonna del Conforto non esce dal Duomo. Il Cardinale Bassetti porterà una copia a Nazareth"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

“La Madonna del Conforto a Natareth? No no, la Madonna del Conforto resta ad Arezzo”. Don Alvaro Bardelli chiarisce e tranquillizza gli aretini dopo la notizia che il cardinale Gualtiero Bassetti, vescovo di Perugia e presidente della Cei, avrebbe portato la Madonna del Conforto in Terra Santa la prossima primavera. “No - dice don Alvaro, parroco della Pieve e custode della Sacra immagine - il nostro Cardinale porterà con sé la copia della Madonna del Conforto, quella che gli era stata regalata quando lasciò Arezzo dopo il suo mandato da vescovo”. “La Madonna - spiega ancora - esce dalla Cattedrale solo in occasioni straordinarie”. E ricorda l’ultima volta “in trasferta”: “Il 30 maggio del 1996 venne portata in piazza Grande. Da allora, è sempre rimasta dentro la Cappella in Duomo. Nel 1995, insieme a don Franco Agostinelli, portammo la Madonna in pellegrinaggio nelle nostre parrocchie. E ancora quando Papa Wojtyla venne ad Arezzo, l’immagine sacra arrivò allo stadio in elicottero, ma poi la riportai in macchina al Duomo”, dice ancora don Alvaro. Quindi i fedeli aretini possono stare tranquilli, perché anche stavolta la Madonna resterà al suo posto: “Deve guardare e proteggere gli aretini e la nostra città e vi assicuro - sorride don Alvaro - che non ha un compito facile. Ma nello stesso tempo siamo contenti che il cardinale Bassetti abbia scelto la nostra Madonna, alla quale è sempre rimasto particolarmente legato per portarla in Terra Santa”. La volontà del cardinale Bassetti è emersa durante il primo ritiro mensile all’inizio dell’anno pastorale 2021-2022 del clero diocesano di Perugia-Città della Pieve. Un incontro con sacerdoti, diaconi e seminaristi nel quale Bassetti ha parlato di “una iniziativa, che spera si possa tenere, con l’aiuto di Dio, a conclusione del suo episcopato perugino pievese iniziato dodici anni fa, il 4 ottobre 2009”. E l’idea è questa: “Il pellegrinaggio diocesano in Terra Santa nella prossima primavera, pandemia permettendo, per ringraziare e lodare il Signore insieme al suo gregge”. Bassetti ha spiegato: “Insieme porteremo le icone mariane che mi hanno segnato e guidato nel cammino del mio servizio di pastore delle diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro e di Perugia-Città della Pieve”.