Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Arezzo saluta il suo capitano Giorgio Peruggia: 142 presenze e tre promozioni con gli amaranto

Nicola Brandini
  • a
  • a
  • a

Un altro pezzo di storia del Cavallino se n’è andato: all’età di 86 anni è morto Giorgio Peruggia, una delle colonne dell’Arezzo degli anni ‘50. Nato a Foiano, ma savinese d’adozione, Peruggia ha indossato la maglia amaranto dalla stagione 1954-55 fino al 1959-60, vivendo a pieno gli anni della rapida ascesa dai dilettanti ai professionisti. Poi il passaggio alla Carrarese (sempre nei dilettanti) dove rimarrà per altri due anni prima lasciare il calcio giocato. Con l’Arezzo ha collezionato 142 presenze, di cui molte con la fascia di capitano al braccio, e ha conquistato tre promozioni consecutive fino ad arrivare a giocare tra i professionisti nella stagione 1958-59. In quegli anni, però, Peruggia svolgeva un lavoro da ragioniere e il calcio professionistico era diventato un impegno troppo gravoso. Così nella stagione successiva tornò tra i dilettanti con la maglia della Carrarese. Il Museo Amaranto lo aveva nominato presidente onorario, una carica che Peruggia svolgeva mettendosi sempre a disposizione per non perdere mai di vista la storia dell’Arezzo e dei suoi protagonisti. Chi lo conosceva bene, come il presidente del Museo Amaranto Stefano Turchi, lo ricorda come “una persona generosa, educata e corretta, uno dei tre gladiatori del Museo insieme a Miro Scatizzi e Raul Tassinari”. Per il Museo Peruggia è stata infatti una fonte inesauribile di ricordi e cimeli. “Possedeva una quantità sconfinata di giornali e fotografie – ricorda Turchi – era l’archivista per eccellenza”. Prima di indossare la maglia amaranto, Peruggia aveva giocato tra le fila della Sansovino, squadra di quello che ha sempre sentito come il suo paese. Ma l’Arezzo era nel destino di famiglia, visto che il padre aveva giocato con il Cavallino nei primi anni dopo la fondazione. In una nota di condoglianze, la S.S. Arezzo lo ricorda come “un giocatore arcigno e determinato”. La stessa determinazione che lo ha sempre contraddistinto - anche fuori dal campo - fino ai giorni recenti della malattia. Da chi ha fatto la storia dell’Arezzo a chi quella storia vorrà continuare a scriverla. La Lnd, infatti, ha reso noti i gironi e il calendario della Juniores Nazionale amaranto. I ragazzi di Andrea Sussi, reduci nell’ultimo fine settimana dal successo nel test contro la Juniores del Foiano per 4-2, debutteranno il 2 ottobre con il derby Perugia-Arezzo alle 15:30. Mentre il 9 ottobre è in programma il debutto casalingo contro il Foligno alla stessa ora. L’Arezzo è stato inserito nel girone F insieme a Alma Juventus Fano, Cannara, Castelfidardo, Foligno, Montegiorgio, Perugia, Porto D’Ascoli, Recanatese, Sambenedettese, Sporting Trestina, Tiferno Lerchi e Tolentino.