Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo Città del Natale: ok del prefetto per i mercati. Luminarie a carico dei commercianti

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

E’ andato bene l’incontro con il prefetto Maddalena De Luca sulla Città del Natale. “E’ arrivato l’ok su tutto e possiamo partire”, dice l’assessore Simone Chierici e presidente di Arezzo intour. C’erano lui, ma anche i rappresentanti delle associazioni di categoria - Confcommercio - a quello che di fatto è stato l’ultimo incontro prima della partenza e dei preparativi che cominceranno: “Dalla fine di ottobre, primi di novembre”. Vediamo che cosa è stato deciso. Partiamo dal green pass. “Per il momento sappiamo - risponde Chierici - che il green pass sarà obbligatorio per alcune attrazioni come per esempio la ruota panoramica, oppure il Villaggio Lego. Restiamo invece in stand by per quanto riguarda l’accesso ai vari mercatini”. A proposito dei quali sono stati confermati tutti i numeri per quanto riguarda le postazioni degli ambulanti. In piazza Grande dove dal 20 di novembre fino al 26 di dicembre ci sarà il mercato tirolese, ci sono circa 35 postazioni che sono casine di legno. Non ci sarà quest’anno la grande baita, ma per il resto tutto confermato. Comprese anche la Casa di Babbo Natale e lo spettacolo di luci come nel 2019. Scendendo fino in piazza Risorgimento e piazza San Jacopo torna il mercato dove ci sono ambulanti di tutti i tipi. Sono 25 in totale e 15 di questi, avevano, nel 2019 acquistato le casine di legno per esporre la propria merce. Gli altri altri dieci invece sono in affitto. Anche per loro è tutto confermato, ma bisognerà vedere se chi era in affito ha ancora intenzione di venire ad Arezzo. In dirittura d’arrivo anche il mercato degli artigiani in piazza Guido Monaco. 
Altro capitolo le luminarie. Nel 2019 l’allora assessore Marcello Comanducci, lanciò l’idea del crowdfunding per finanziare le luci cittadine. Un’idea che non verrà ripresa dall’attuale amministrazione. “Ricordo che Comanducci ha avuto il suo bel da fare con il crowdfunding e allora abbiamo deciso di non farlo - prosegue Chierici - Le luminarie saranno gestite dai commercianti attraverso le associazioni di categoria e l’amministrazione comunale darà loro un contributo”. 
Il taglio del nastro della Città del Natale ci sarà il 20 di novembre. Ogni sabato e domenica saranno organizzati i tour guidati di Confguide Arezzo per scoprire la città e i suoi Mercatini di Natale. E anche quest’anno più di 60 ragazzi e ragazze aretine lavoreranno proprio ai Mercatini di Natale. Le domande sono già tante. In più ci saranno altre novità legate alla riapertura della Fortezza dove troveranno altre attrazioni. Ma non finisce qui. Sottolinea ancora l’assessore Chierici: “Ci potrebbero essere altre sorprese da qui al taglio del nastro. Vediamo come distribuiremo le risorse e quante ne serviranno ancora. Ce la stiamo mettendo tutta per fare ripartire la Città del Natale. Significa tanto per Arezzo. Dopo la pandemia, un’edizione saltata - nel 2020 - è importante tornare ad esserci”.