Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, luna park pronto a tornare ma l'area è ancora vincolata per l'emergenza: nodo da sciogliere

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Dopo un anno di assenza, a causa della pandemia, sono pronti a tornare ad Arezzo i giostrai che allestiscono il luna park nel periodo natalizio nell’area di via Duccio di Boninsegna. Se non fosse, però, che la superficie è attualmente vincolata all’utilizzo di protezione civile per lo stato di emergenza legato al Covid.

E’ dunque questa la nuova questione da sciogliere, e che dovrà essere affrontata nelle prossime ore dalla giunta comunale, per trovare una soluzione al ritorno del luna park in città, a partire dall’inizio di dicembre. Una possibilità, che dipenderà anche dall’esito della valutazione sulla relazione che gli stessi giostrai presenteranno al Comune.

“Ci hanno preannunciato - ha riferito il sindaco, Alessandro Ghinelli - che, in caso di necessità, loro sono in grado di smontare le giostre in meno di 6 ore, per quelle più piccole, e comunque entro un massimo di 48 ore per i giochi più grandi e complessi. Due giorni al massimo, dunque, per liberare completamente l’area a riconsegnarla al Comune in caso di bisogno”.

Una rapidità delle operazioni, che potrebbe essere la via di uscita di fronte all’impossibilità di utilizzare il tradizionale piazzale, da tempo ormai assegnato alla protezione civile per un eventuale utilizzo conseguente all’emergenza sanitaria in atto. “Ci riuniremo in giunta per valutare l’opportunità dell’operazione”, ha rimarcato Ghinelli. L’ultima volta del luna park ad Arezzo era stata nel 2019. Poi un anno di stop nel periodo natalizio dell’anno clou della pandemia. Ora, si valuterà, una possibile ma ancora dubbia ripresa.

A.L.