Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, autisti senza green pass presentano certificato medico

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Dieci autisti di Tiemme senza green pass, altrettanti presentano il certificato medico e in tutto questo alcuni utenti denunciano disguidi nelle corse. E’ successo venerdì scorso, primo giorno al lavoro con il certificato verde. L’azienda di autotrasporti conferma la “defezione” di alcuni autisti “il 5%”, ma non i disguidi per quanto riguarda le corse: “Non ci sono stati particolari problemi. Alcune linee hanno subìto ritardi, ma non nelle ore di punta e non quando i mezzi sono più affollati”. Invece alcuni utenti sottolineano come ci sia stato un po’ di caos: “Soprattutto nelle zone periferiche”. Ma che cosa è successo? Tiemme spiega che: “Su 200 autisti impiegati nelle corse su Arezzo e dintorni - 800 in totale - dieci non sono vaccinati e quindi non si sono presentati al lavoro. Altrettanti hanno portato il certificato medico.

 

 

Non sappiamo se sono a casa per questo motivo, ma in questi giorni abbiamo registrato un picco anomalo di certificati”. Per questo alcune corse hanno subìto dei disservizi e dei ritardi. Una situazione che Tiemme ha già tamponato tanto che nelle ore successive e già a partire da ieri, la situazione è migliorata. Ma che cosa dicono le procedure dell’azienda? “L’obiettivo delle procedure di verifica è quello di garantire un adeguato livello di sicurezza nei luoghi in cui è svolta l’attività lavorativa nonché la regolare erogazione del servizio di trasporto pubblico locale. Il green pass andrà dunque esibito in formato cartaceo o digitale e verrà controllato tramite la lettura del Qr Code con l’app VerificaC-19. A tutti i dipendenti sprovvisti di green pass valido, sarà inibito l’accesso ai luoghi di svolgimento dell’attività lavorativa e verranno considerati assenti ingiustificati sino alla presentazione di una certificazione valida. Per i giorni di assenza motivati dal mancato possesso di certificato verde in corso di validità non sarà dovuta la retribuzione o altri compensi o emolumenti di qualunque tipologia”.

 

 

L’azienda ha definito un apposito ordine di servizio nel quale evidenzia l’obbligo per i lavoratori di rispettare le norme, dettagliando in un documento la procedura aziendale che prevede l’organizzazione e lo svolgimento delle necessarie verifiche. Le misure saranno in vigore, come previsto dal decreto legge di riferimento, fino al 31 dicembre 2021. Intanto da domani saranno disponibili presso le biglietterie Tiemme anche dei punti vendita di Autolinee Toscane - nuovo gestore dal 1 novembre - dove sarà possibile acquistare titoli mensili e plurimensili validi a partire dal 1 novembre 2021. Gli abbonamenti plurimensili acquistati in data antecedente il 20 ottobre (trimestrali, 10 mesi studenti ed annuali) ma ancora validi al 1 novembre continueranno ad essere validi, fino alla scadenza prevista dal titolo di viaggio. I biglietti e i carnet emessi da Siena Mobilità, Etruria Mobilità e Tiemme cesseranno la loro validità al 31 ottobre 2021. Pertanto non saranno più validi a partire dal 1 novembre 2021.