Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, i residenti di Campo di Marte: "La Città del Natale fino dentro il parco"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

“Grazie di cuore al Mercatino delle Pulci a Campo di Marte e a tutti coloro che hanno lavorato affinché lo stesso si svolgesse nel suo luogo di origine. Soddisfazione infinita per una giornata di convivenza legale. Vedere tossici e e pusher, fare dietro front all’ingresso di Campo di Marte, quasi increduli, è stato bello. Grazie ancora al Mercatino delle Pulci e un appello alle Istituzioni fate vivere questo parco anche in vista delle festività natalizie”. Si legge sulla pagina del Comitato Duomo Vecchio. L’avvocato Roberta Blasi, tra i promotori del gruppo che serve per fare rinascere Saione e Campo di Marte, adesso guarda avanti e alle festività di Natale ormai imminenti. Si chiede e chiede, soprattutto, a chi sta organizzando la Città del Natale - associazioni di categoria e Arezzointour - di dedicare un pezzetto delle feste anche a Saione e Campo di Marte. “Domenica scorsa - dice l’avvocato Blasi - ma anche nelle domeniche precedenti, Campo di Marte è stato occupato dal Mercatino delle Pulci che finalmente è tornato nella sua posizione originaria. E’ stato bello vedere quel parco finalmente libero da spacciatori e tossici che hanno letteralmente fatto marcia indietro. Dovrebbe essere sempre così”. E, appunto, in occasione delle festività natalizie, il Comitato fa un appello: “Ci piacerebbe che per tutto il periodo di Natale anche a Campo di Marte venisse organizzato qualcosa. In passato abbiamo avuto l’albero di Natale, ma non ci basta. Nel senso che è bello, ma resta fine a se stesso e di certo non allontana tossici e spacciatori”. “Piuttosto - prosegue l’avvocato Blasi - ci piacerebbe che anche a Saione, Campo di Marte, ci fosse magari un mercatino, oppure che venissero messi dei giochi per i bambini. Insomma qualcosa che tenesse ‘occupato’ il parco e che ci facesse vivere, almeno i giorni di Natale, in tranquillità”. E il Comitato ribadisce, ancora una volta, l’importanza di un’alternativa che non sia solo a tempo determinato, ma permanente. Come per esempio “un’attività, un mercato che si svolga sempre o quasi sempre a Campo di Marte. Tanto per fare capire che la zona non è presidio di tossici e spacciatori e che il parco potrebbe tornare agli aretini per viverlo al meglio. Un appello che il Comitato Duomo Vecchio ormai fa da diversi anni. “Le idee ci sono sempre - conclude l’avvocato Blasi - e le intenzioni sarebbe anche buone, ma poi torniamo alla quotidianietà di degrado e ci meravigliamo quando succede l’opposto che dovrebbe essere quella la normalità”.