Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, l'ex palazzo dell'Enel in via Petrarca è di nuovo occupato

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Un uomo che scavalca, in pieno giorno, una finestra al secondo piano dell’ex palazzo Enel. La foto fa il giro del web e non passa inosservata a Mery Cornacchini, il consigliere comunale anti degrado che ha lottato sempre in prima linea anche sugli occupanti dei palazzi abbandonati. Perché l’ex palazzo Enel che giace addormentato nella centralissima via Petrarca non è il solo ad avere compagnia. Ci sono anche i palazzi dell’ex presidente dell’Arezzo, Piero Mancini all’Eurospin ad essere sempre occupati. Una situazione che la stessa Cornacchini pensava fosse migliorata, specialmente per lo stabile dell’Enel e invece così non è. “Mi ero già accorta che qualcosa non andasse e che il palazzo fosse tornato ad essere occupato - dice - perchè alcune sere fa passando proprio sotto via Petrarca, ho visto come una flebile luce provenire dalle finestre. Come fosse una candela”. Poi nei giorni scorsi la conferma. “Mi è stata spedita la foto dell’uomo a cavalcioni sulla terrazza e tutto è stato chiaro. Quella candela significa che qualcuno è tornato a viverci dentro”. Negli anni scorsi, proprio la Cornacchini era entrata insieme al collega Massimo Gianni per documentare lo stato nel quale versava lo stabile di via Petrarca. “Un tempo si poteva accedere facilmente - racconta - e trovammo di tutto. Dai vestiti agli escrementi agli avanzi di cibo. Contattammo il proprietario che chiuse ogni accesso con lucchetti, ma passati un po’ di mesi ecco che la situazione è tornata come prima. E la foto lo dimostra. Il palazzo di via Petrarca è di nuovo occupato, nonostante che mi avessero detto che la situazione ora sembrasse più tranquilla”. Invece così non è. Per il momento alla polizia municipale non sono arrivate segnalazioni in proposito. “Però la situazione non è cambiata da quando sono entrata nel palazzo - spiega ancora la Cornacchini - Siamo sempre alle solite. Occorrerà monitorare e semmai intervenire, chi di dovere per fare sgombrare di nuovo l’ex stabile dell’Enel”. 
E come detto, le segnalazioni al consigliere comunale arrivano anche per quanto riguarda i palazzi che si trovano vicino al supermercato in via Rita Levi Montalcini. “Anche lì ci sono persone che ci vivono abusivamente. E anche lì, la situazione di quei palazzi è in stallo”. Gli stabili sarebbero dovuti andare all’asta, ma ancora sono lì e non si che fine potrebbero fare. Per il momento dentro ci vivono, così come all’ex Enel. “Una situazione di degrado alla quale occorre trovare una soluzione definitiva. Quel palazzo da quando non è più operativo è diventato ricettacolo di gente senza fissa dimora. Un pericolo per le abitazioni accanto e di certo non un bello spettacolo in centro città”, conclude la Cornacchini