Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, un anno di lavori in via Tarlati per la rivoluzione della viabilità nella zona

Marco Antonucci
  • a
  • a
  • a

Se tutto filerà senza intoppi, la rivoluzione alla circolazione tra via Tarlati e via Buonconte da Montefeltro diventerà realtà tra la fine del 2022 e i primi mesi del 2023. Questo è l’orizzonte temporale che si è data la giunta Ghinelli - come conferma l’assessore Alessandro Casi - dopo l’ok al progetto definitivo di un intervento che dovrebbe durare un anno e costare un milione e 200 mila euro. I lavori prevedono un nuovo collegamento viario tra il parcheggio scambiatore e via Buonconte da Montefeltro e il definitivo addio al semaforo che tante code crea all’incrocio con via Tarlati. Tra le novità introdotte dal provvedimento firmato dalla giunta nei giorni scorsi c’è l’inserimento di questo progetto nell’elenco annuale 2021 del piano triennale delle opere pubbliche del Comune di Arezzo. Palazzo Cavallo vorrebbe aprire il cantiere già all’inizio del 2022 e, nelle previsioni dei progettisti, i lavori dovrebbero concludersi nel giro di un anno.

 

 

 

Una importante novità sul fronte della viabilità cittadina che, nei giorni scorsi, ha ricevuto il via libera anche del consiglio comunale, chiamato ad approvare proprio la variazione al piano triennale. “Un’opera” aveva spiegato l’assessore Casi intervenendo durante i lavori della massima assise cittadina, “che permetterà di alleggerire il traffico in via Tarlati ed evitare le code al semaforo”, grazie anche alla realizzazione del nuovo collegamento viario tra il parcheggio scambiatore di via Tarlati e via Buonconte da Montefeltro. Lo stesso Casi aveva spiegato come cambierà la viabilità nella zona: “Chi percorrerà via Tarlati provenendo da San Clemente per raggiungere via Buonconte da Montefeltro dovrà svoltare nella nuova viabilità, uscendo nella rotonda finale all’altezza della ex Icienne. Chi invece giungerà dagli Archi potrà svoltare a destra in via Buonconte. Da quest’ultima, per raggiungere il cimitero, si dovrà percorrere la nuova viabilità immettendosi in via Tarlati all’altezza della rotonda”.

 

 

 

In attesa di vedere uomini e mezzi al lavoro in questa zona della città, si stanno “muovendo” altri due grandi cantieri che caratterizzeranno i prossimi mesi. Da giorni è al lavoro infatti la ruspa che sta effettuando una ripulitura dell’area che si trova al di sopra del sottopasso del Baldaccio, il tunnel che passa sotto alla ferrovia e che è interessato dall’intervento per il raddoppio del collegamento con Pescaiola oggi ad un solo senso di marcia. 

Primi interventi in corso anche a Saione, per la precisione in via Fabio Filzi dove sono iniziati i lavori di bonifica intorno alla struttura dell’ex asilo, area destinata ad ospitare il nuovo comando della Polizia municipale.