Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, il parcheggio del cimitero riservato ai residenti. Poponcini: "Ordinanza in atto da venerdì"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

C’è una nuova ordinanza che partirà venerdì prossimo e che sarà attiva  ogni fine settimana della Città del Natale. Riguarda i cittadini residenti nella Ztl A e B, che nel primo fine settimana di grande affollamento turistico hanno avuto difficoltà a trovare un parcheggio. Così il comandante Aldo Poponcini ha deciso di andare loro incontro e di riservare un parcheggio solo per loro. “Da venerdì prossimo - dice Poponcini - potranno parcheggiare sullo spazio davanti all’ingresso del cimitero monumentale. Il posto sarà riservato ai cittadini residenti nelle zone traffico limitato A e B”.

Una decisione che, come detto, segue il primo fine settimana di luci e colori, ma soprattutto di grande affollamento che ha caratterizzato i primi due giorni della Città del Natale. “E’ stato un fine settimana duro - continua il comandante della Municipale -Abbiamo avuto tantissimi turisti con pullman e camper che hanno affollato la nostra città fin dalle prime ore del mattino. E tutto questo ci ha portato a prendere la decisione di riservare uno spazio per i residenti che abbiamo individuato nel parcheggio del cimitero. Sarà aperto ogni fine settimana fino all’inizio del nuovo anno”. E la Città del Natale comincia a dare i primi segnali importanti ad Arezzo. I numeri parlano di moltissimi turisti. Il comandante Poponcini sottolinea “parcheggi esauriti nel giro breve tempo domenica scorsa” e Rodolfo Ademollo direttore della Fondazione Arezzo Intour, snocciola numeri altrettanto importanti. “Non essendoci biglietti per il momento non possiamo fare una stima di quante persone sono arrivate ad Arezzo in questo fine settimana - dice - ma posso dire che già la città è stata visitata da tantissima gente”.

Sono 80 le casine distribuite tra la parte alta e la parte bassa della città. Ventisei in piazza Risorgimento e piazza San Jacopo, in piazza Grande dove c’è il Villaggio Tirolese che andrà avanti fino al 26 di dicembre, sono 32, mentre al Prato ce ne sono 22. In particolare in piazza Grande poi, il mercato tirolese, organizzato da Confcommercio, ha dato lavoro a 60 ragazze e ragazzi di Arezzo. Lavoro è stato dato anche dagli esercenti che hanno le casine al Prato. Ma non si tratta solo di lavoro alla Città del Natale, ma anche di quello che, viceversa, porta la Città del Natale: “Un indotto che si riversa negli alberghi, nei ristoranti, negli esercizi commerciali in generale - prosegue il direttore Ademollo - Gli alberghi di Arezzo sono già pieni all’ 80 per cento per i prossimi due fine settimana, i ristoranti nel week end appena trascorso hanno segnato il tutto esaurito, così come anche altre attività commerciali hanno già beneficiato della Città del Natale”.


Tutto questo nella sicurezza di 13 persone che controllano il Prato e le attività come il villaggio Lego, la Ruota panoramica dove i titolari domenica scorsa hanno richiesto ancora più personale per smaltire la fila con i controlli del green pass. Volontari anche al mercato in piazza Risorgimento e in piazza San Jacopo. E sicurezza anche con l’uso della mascherina che il sindaco Ghinelli ha imposto con un’ordinanza che sarà in vigore nelle giornate clou della Città del Natale. “Non abbiamo avuto problemi a fare rispettare l’ordinanza - riprende Poponcini - La gente sa quanto è importante la mascherina soprattutto in questo periodo”. Aspettando il grande pienone del prossimo fine settimana, ma soprattutto del primo week end di dicembre che coinciderà anche con la Fiera dell’Antiquariato e il Ponte dell’Immacolata.