Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, il Capodanno dopo la Città del Natale. Ghinelli: "In piazza Sant'Agostino, ma solo in sicurezza"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

La Città del Natale decolla e adesso si pensa alla festa di Capodanno. Ci sarà? Il sindaco Ghinelli ospite, come ogni mercoledì, di Radio Fly, non dà certezze, ma rimanda la decisione definitiva almeno alla fine del mese di novembre. “Su questo argomento - sottolinea Ghinelli - si è a lungo discusso in Giunta e abbiamo deciso di aspettare la fine del mese per capire la situazione contagi anche a seguito di un colloquio con il prefetto De Luca”. Anche perché diventa difficile conciliare distanziamento e uso della mascherina: “In una festa di Capodanno parlare di distanziamento è un’araba fenice, chiedere di portare la mascherina, lo stesso. Dobbiamo solo essere certi di non correre rischi, ecco perché finora non è stata presa nessuna decisione. Ma nel momento in cui dovesse essere presa, penso che lo spazio sia quello di Piazza Sant’Agostino”. Ma perché il Saracino sì e la festa di Capodanno no? “Il Saracino - risponde Ghinelli - è una manifestazione storica a cui gli aretini sono legati, la festa in piazza è un divertimento fine a se stesso che se c’è, siamo contenti, ma se non c’è è uguale. Se non si fa per tre anni non perdiamo l’affezione alla festa. La prolungata assenza del Saracino invece avrebbe potuto comportare la disaffezione specialmente dei più giovani verso i quartieri. E in quell’occasione me la sono sentita di prendere la decisione che abbiamo preso sempre in accordo con la prefettura”. E da domani parte il secondo week end dedicato alla Città del Natale. “Come inizio è stato un grande successo - dichiara Ghinelli - siamo ancora a novembre, ben lontani dunque dall’8 di dicembre che segna l’inizio ufficiale delle festività natalizie e ciò nonostante, Arezzo è stata pacificamente invasa dai turisti molti proveniente dall’Italia. Ho vista un’atmosfera gradevole in città, devo dire che non ci sono stati eccessi, e anzi una civile accondiscenza al tema delle mascherine”. “Ho fatto quest’ordinanza - sottolinea il primo cittadino - proprio perchè eravamo alla vigilia della Città del Natale e sapevo che tutta questa gente che veniva da fuori avrebbe comportato un rischio per la città dove i contagi sono relativamente bassi. Non c’è motivo, a parere mio, per non fare attività come la Città del Natale, l’importante è prendere le giuste cautele”. E da domani entrano in vigore due nuove ordinanze del comandante della polizia municipale Aldo Poponcini, per quanto riguarda i parcheggi. Una porzione del parcheggio del cimitero - e non tutta come era stato deciso in un primo momento - sarà riservata ai residenti della ztl A e B. Per ogni altro veicolo scatta il divieto di sosta con rimozione. La porzione verrà delimitata da un’apposita segnaletica e sarà in vigore nel periodo compreso tra domani e il giorno della befana, tutti i venerdì, sabato, domenica, festivi e prefestivi. Con un’ulteriore ordinanza è prevista una seconda riserva relativa a una porzione del parcheggio del campo da baseball di via Simone Martini. Vi potranno parcheggiare i loro veicoli, muniti di apposito permesso, i giostrai dello spettacolo viaggiante. Da oggi a lunedì 31 gennaio 2022.
Il sindaco Ghinelli annuncia poi un progetto per realizzare un certo numero di servizi igienici in città. E per ultimo affronta la situazione di Indicatore dove i residenti chiedono maggiori attenzioni dopo che anche la banca ha chiuso la filiale: “Sugli sportelli bancari posso fare poco. Quello che mi sto impegnando è mettere uno sportello bancomat a Indicatore così come nella parte alta di Arezzo più volte richiesto dai turisti”.