Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, niente festa in piazza a Capodanno. Il prefetto De Luca: "Non ci sono le condizioni"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

“La festa di fine anno in piazza non ci sarà”. A comunicarlo è il prefetto Maddalena De Luca, al termine del tavolo sulla sicurezza che si è svolto ieri. Insieme al prefetto il comandante della polizia municipale, Aldo Poponcini e l’amministrazione comunale rappresentata dall’assessore Simone Chierici. La decisione, unanime, è arrivata dopo che la questione era stata sollevata dallo stesso primo cittadino, Alessandro Ghinelli una settimana fa. Anche il sindaco aveva mostrato qualche incertezza soprattutto legata all’aumento dei contagi e alle norme di sicurezza che, durante una festa di fine anno, sarebbe stato quasi impossibile mantenere. “Analizzando tutte le varie condizioni - sottolinea il prefetto De Luca - abbiamo deciso che sarebbe stato impossibile organizzare una festa di fine anno con delle limitazioni difficili da mantenere proprio per la festa in sé. E quindi la decisione è quella di rimandare ancora una volta il brindisi in piazza”. Ma non sarà un fine settimana qualsiasi il primo del nuovo anno, perché ci sarà la fiera dell’antiquariato. “Ci sarà una presenza significativa di turisti, anche se già abbiamo avuto più che un assaggio nei primi fine settimana della Città del Natale dove tutto, tra l’altro, si è svolto correttamente”. E a proposito di Città del Natale, ecco che cosa succederà con l’introduzione del green pass rafforzato che partirà da lunedì prossimo 6 dicembre. “Durante l’incontro - dice ancora il prefetto - abbiamo preso in considerazione il nuovo decreto che, come abbiamo visto, ruota tutto intorno al green pass rafforzato. Considerato che parliamo di una manifestazione dove non ci sono accessi, le forze dell’ordine, in collaborazione con la polizia municipale, faranno dei controlli a campione sia negli spazi della Città del Natale, ma anche alle fermate dove arrivano gli autobus turistici”. Invece per quanto riguarda gli accessi alle attrazioni che sono al Prato come la Casa di Babbo Natale, il Villaggio Lego o la ruota panoramica, sarà obbligatorio il green pass rafforzato agli ingressi. Ciò significa che non sarà più valido mostrare il tampone negativo. E tutto questo mentre Arezzo si appresta ad un altro fine settimana - l’ultimo senza green pass rafforzato - dove è atteso un altro numero consistente di turisti. Un ulteriore banco di prova che accompagnerà la città poi al Ponte dell’Immacolata dove sarà in vigore oltre al green pass rafforzato, anche la mascherina nel centro storico.