Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Arezzo in campo a Cannara nell'anticipo. Mister Sussi: "Sarà una battaglia, voglio i miei tutti pronti"

Nicola Brandini
  • a
  • a
  • a

Al di là della costruzione di un gioco aggressivo con un giro palla veloce, dichiarato a più riprese da Sussi da quando è arrivato sulla panchina dell’Arezzo circa un mese fa, la missione del mister è piuttosto chiara: cercare di creare un gruppo e tenere tutti sulla corda, perché “chiunque può dare il suo contributo, anche se gioca cinque minuti. Io cercherò di dare spazio a tutti e tutti devono farsi trovare pronti perché ognuno può dare il proprio contributo alla causa, che è quella di riprendere chi ci sta davanti in classifica”.

Nella conferenza stampa alla vigilia di Cannara-Arezzo, in programma oggi alle 14,30 allo stadio “Alberto Spoletini”, è questo il concetto che l’allenatore ci tiene a sottolineare. “Non ho dubbi sul fatto che chiunque venga chiamato in causa darà il massimo”, ha detto Sussi.

“Sarà una battaglia, perché il campo ha misure nettamente inferiori rispetto al nostro – ha proseguito il tecnico –. Il Cannara arriva da tre vittorie consecutive e avrà entusiasmo, noi dovremo ribattere colpo su colpo a livello di determinazione”. È inevitabile, poi, che l’attenzione si sposti brevemente anche sul mercato: soprattutto sull’ultimo giocatore under aggregato in rosa e ufficializzato nel tardo pomeriggio di ieri dalla società. Si tratta del centrocampista classe 2000 Mirko Lazzarini dal Real Forte Querceta.

“Molto probabilmente sarà convocato. Ha 21 anni ma ha già esperienza in D, è un giovane pronto. L’ho visto voglioso, perché sa di aver fatto il grande passo e di giocare in una società importante, quindi vuole dimostrare di essere all’altezza”. A meno di clamorosi colpi di scena, sul pullman per Cannara salirà anche Lazzarini. Verrà convocato anche Strambelli, e rispetto alla sua presenza a Cannara Sussi ha sciolto tutte le riserve, così come sul recupero di Pizzutelli.

“Strambelli gradualmente è tornato al top negli ultimi giorni e sarà convocato, così come Pizzutelli che ha recuperato dopo la piccola contrattura avuta domenica scorsa”, ha detto Sussi. Che poi si è soffermato anche sui singoli, in particolare sugli attaccanti e sulla possibilità che ne arrivi un altro che chiuderebbe così il discorso mercato.

“Prima arriva e prima riesce ad entrare nei meccanismi, manca un tassello e il direttore è al lavoro per colmare questa lacuna. Così avremmo due giocatori per ogni ruolo”. E a tal proposito, vedremo chi deciderà di schierare il mister sulla fascia destra, dove Mancino sembra non essere certo del posto a causa di un problema muscolare. “Il ragazzo sta facendo delle cure – ha detto Sussi – valuteremo se sarà al top per giocare, ma se così non fosse non c’è nessun problema perché mi fido di chi giocherà. Per me sono tutti uguali”.