Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Chiude a Tegoleto storico negozio di fiori dopo 41 anni. "Nessuno ha preso il testimone"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Boris Soldani e Serenella Benigni sistemano per l’ultima volta la loro vetrina.  Il 24 dicembre è stato l'ultimo giorno. Poi il meritato riposo, ma al civico 66-68 di via Romana a Tegoleto, ci sarà il vuoto. “I miei genitori si erano dati due anni, prima di andare in pensione. Poi è arrivata la pandemia e hanno aspettato ancora. Ma oggi sarà l’ultimo giorno”, racconta Chiara, la figlia. Stavolta non c’entra la crisi o il Covid, ma l’anagrafe, anche se Boris e Serenella sembrano giovanissimi. “Hanno iniziato presto a lavorare”, dice Chiara. “Per questo sembrano più giovani rispetto all’età pensionabile”. Purtroppo non ci sarà nessun passaggio di testimone. “I miei genitori non hanno trovato nessuno che potesse prendere il loro posto. Manca forse anche un po’ di volontà a sacrificarsi per i negozi. Tra orari, turni e quanto altro. Il negozio è anche edicola e sappiamo che i giornali la mattina arrivano presto e il turno di riposo praticamente non c’è mai. Per questo non c’è tutta questa corsa”. Perché Boris e Serenella non vendono solo i fiori. Ma il loro è anche edicolibreria, fiorista, articoli da regalo e gadget. Sulla loro pagina facebook c’è un messaggio molto bello: “Portare gioia e colore nelle vite delle persone”. E in realtà è proprio così. Le foto che sono riportate sulla pagina parlano di matrimoni, tanti ne hanno organizzati i due coniugi, e di tanti sorrisi che in questi anni hanno regalato a tutto un intero paese. “Per noi  di casa, il negozio era un punto di riferimento che mancherà a tutti”. E soprattutto al paese di Tegoleto che insieme a Serenella e Boris hanno festeggiato i momenti più belli della vita. Tra feste, ricorrenze e soprattutto matrimoni. Ma alla fine non è detto che al civico 66-68 di Tegoleto qualcosa non riprenda vita. Per il momento oggi è solo giorno di chiusura, che non passerà inosservato. La vetrina natalizia allestita è bellissima e Boris e Serenella sono pronti ai saluti. Un altro negozio che chiude, ma stavolta con il sorriso - nonostante il dispiacere, sia chiaro - ma con la scelta che i due titolari hanno fatto. Niente crisi, niente Covid, anche se non esserci nessun passaggio di testimone rende tutto un po’ più triste.