Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, cane scappato per i botti di Capodanno recuperato in autostrada dalla Polizia: ora è all'Enpa

Giovanna Belardi
  • a
  • a
  • a

Notte disastrosa a seguito dei botti per i quattrozampe. Decine di chiamate all’Enpa da parte di proprietari il cui cane o gatto è scappato per il bombardamento di botti che l’ultimo giorno dell’anno è iniziato molto prima della mezzanotte.

Già dal pomeriggio spiegano all’Enpa sono arrivati animali e segnalazioni. E questo può aver preso in contropiede anche i proprietari abituati a rimettere i propri animali in netto anticipo sulla mezzanotte.

In Autostrada del Sole, nei pressi del casello di Chiusi la polizia stradale di Battifolle ha recuperato uno splendido pastore tedesco, che al momento si trova nel canile gestito dall’Enpa.

 

 

 

Un animale ben curato, sicuramente fuggito per paura dei botti e che i proprietari possono riprendere contattando lo 0575357650. Ma il pastore non è stato l’unico a finire in canile l’altra sera: una decina sono stati recuperati, senza contare quelli segnalati in giro terrorizzati che non si sono fatti prendere.

Alcuni sono già stati riconsegnati ma in giro ce ne sono diversi viste le chiamate che ha ricevuto l’Enpa. “Purtroppo abbiamo ricevuto tante segnalazioni di gatti e cani scomparsi a seguito dei botti - spiega la presidente Enpa Sandra Capogreco - che quest’anno sono stati davvero tantissimi, sia in periferia che nelle zone in campagna. In particolare a Ponte Buriano, a Indicatore, a Santa Firmina, a Chiani, a San Leo, Marchionna ci hanno segnalato animali scomparsi o visti in giro terrorizzati. Per fortuna la maggior parte di quelli ritrovati è munita di microchip ma questa dei botti è davvero una condanna per gli animali.

 

 

 

Per questo per il prossimo anno, contando sulla sensibilità verso gli animali di questa amministrazione comunale, proveremo a chiedere di estendere il divieto di sparare botti e petardi anche in periferia e nelle zone decentrate del territorio, non solo in centro storico”.