Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, insolita proposta di matrimonio dopo un parto gemellare

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Un parto gemellare, due bimbi bellissimi e una proposta di matrimonio che lascia di stucco il reparto di ginecologia dell’ospedale San Donato. E’ successo venerdì scorso e a portare finalmente un sorriso dentro il nosocomio aretino che da due anni è stretto a combattere, ogni giorno, il Covid, sono Andrea e Alessandro. Ma ancora non lo sanno che sono stati proprio loro, questi due bellissimi gemelli, con sì e no, un’ora di vita, a chiedere alla mamma di “sposare il nostro babbo”. Lo hanno fatto, con la complicità di Matteo, neo papà che non sta nella pelle dalla gioia. Sia perché è diventato babbo (doppio) e sia perché Alessandra, la dolcissima mamma, presto diventerà sua moglie. La nascita, programmata e attesa, ha riservato dunque un'ulteriore sopresa per i sanitari del reparto di ginecologia. Venerdì 7 gennaio all'ospedale San Donato di Arezzo la signora Alessandra, con un taglio cesareo programmato - come riporta la nota della Asl - ha dato alla luce i suoi due figli, Andrea e Alessandro, due bambini in piena salute che hanno portato grande gioia a tutto il reparto.
“Già di per sé un parto gemellare è una grande soddisfazione per tutti - dichiara il primario di ginecologia dell'ospedale San Donato dottor Ciro Sommella - ma quello che ha escogitato il padre dei bimbi ci ha lasciato veramente di stucco”. E’ lo stesso primario che lo racconta: “Di nascosto dalla compagna ci ha consegnato le due tutine con il messaggio molto particolare...ha chiesto alla sua compagna, madre dei due bambini, di sposarlo. 
Le tutine dei bimbi sono diventate una dichiarazione d'amore ed una proposta di matrimonio. Non credo sia mai stato fatto ed è stato un evento emozionante. In momenti difficili come quello che stiamo vivendo ci ha regalato serenità e gioia.” Perché se in una tutina c’era la proposta di matrimonio, nell’altra c’era scritto: “Mamma, papà mi ha chiesto di dirti che ti ama”. “Quasi non me ne sono accorta, quando me li hanno portati in camera - racconta Alessandra - Ho detto sì, una doppia felicità, anzi tripla”.
“Desidero ringraziare di cuore tutti i sanitari che ci hanno seguito - dichiara il padre e futuro marito Matteo - Ci siamo sentiti accolti ed è stato bellissimo condividere questo momento particolare. All'ospedale San Donato abbbiamo trovato non solo grande professionalità ma anche un ambiente confortevole e comprensivo. Una vera famiglia nella famiglia.” Adesso i bimbi e la mamma sono tornati a casa. Emozionati di cominciare la loro nuova vita insieme e di preparare il loro prossimo matrimonio. Auguri.