Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Arezzo fermo per Covid si allena e pensa alla trasferta di Trestina

Nicola Brandini
  • a
  • a
  • a

L’Arezzo avrebbe dovuto scendere in campo oggi pomeriggio al “Madami” di Civitacastellana contro i padroni di casa del Flaminia per l’ultima gara del girone d’andata, ma anche questa volta il Covid ha scombinato i piani. Durante il giro di tamponi effettuato a tutto il gruppo squadra nella giornata di venerdì, a 48 ore dalla partita, sono emerse altre quattro positività (tre calciatori e un membro dello staff).

Gli attualmente positivi all’interno della rosa salgono quindi a sei. Di questi, due sono risultati positivi nella giornata di lunedì 17 gennaio, a due giorni dal recupero con lo Scandicci, verosimilmente potrebbero tornare a disposizione di mister Sussi a metà della prossima settimana e quindi arruolabili per la trasferta a Trestina di domenica 30 gennaio. E così, al netto degli infortuni che non mancano (Cutolo, Giofrè e Mancino, con quest’ultimo sulla via del recupero), l’Arezzo è costretta a fare i conti anche con i contagi e quindi con le quarantene.

Da un lato, vista la situazione di emergenza, forse per l’Arezzo è stato un bene che la partita con il Flaminia Civitacastellana sia stata rinviata. I cinque calciatori positivi hanno permesso alla società di inoltrare la richiesta alla Lnd che è stata subito accettata. Tuttavia l’idea di scendere subito in campo, a pochi giorni dalla poco convincente prestazione di Scandicci, avrebbe dato la possibilità al Cavallino di voltare pagina e riprendere la corsa. Adesso si apre una nuova settimana, con la squadra che anche oggi si ritroverà al “Lebole” per una seduta mattutina di allenamento.

È già tempo di prepararsi in vista della trasferta di Trestina che aprirà il girone di ritorno. L’obiettivo è recuperare quanti più giocatori possibili. Nell’allenamento di venerdì Samuele Zona ha svolto tutto il lavoro con il resto della squadra, mandando segnali incoraggianti per il suo recupero. Cutolo e Giofrè, anche loro infortunati, hanno lavorato a parte. Mancino, invece, è alle prese con uno stiramento che lo sta tenendo fermo da più di una settimana. Vedremo se l’under ex Perugia riuscirà a recuperare per domenica prossima.