Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Trail, a Castiglion Fiorentino XII Ronda Ghibellina: tante novità e la super runner Canepa

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Lo sparviero allarga le ali e affila gli artigli: arriva la dodicesima edizione della Ronda Ghibellina, anzi la “duodecima”. Il rapace sintesi di forza e tenacia, è simbolo di questa gara di trail che si è tenuta regolarmente anche nello sventurato 2021, tra le poche manifestazioni sportive capaci di dribblare la pandemia.

E la Ronda di Castiglion Fiorentino torna domenica 30, con il prologo di sabato (Sky Night e collaterali) per raccogliere oltre 850 atleti provenienti da ogni dove. Ieri, mattinata dedicata a tracciare il percorso con le fettucce gialle e nere per Renato Menci e tutto lo staff di organizzatori: queste sono giornate intense di preparativi. Il fine settimana sarà un’esplosione di sport e natura, l’essenza del trail, ovvero corsa a piedi sopra ogni superficie e pendenza: terra, sassi, erba, ghiaccio, acqua, neve, fango, rami, rocce. Doveva chiamarsi “la Magnifica” l’edizione 2022, dopo la sofferenza della pandemia, invece anche quest’anno sarà “Primitiva”, con un fascino speciale agganciato alle ferree direttive sanitarie recepite dai protocolli Fidal e Csi.

Cuore pulsante dell’evento, la zona sportiva Fontesecca, tra palazzetto, Meoni e tennis. Poi si corre tutto intorno, nelle alture circostanti. Alle 5 di domenica partono gli atleti della 50 Miglia che, aggiungendo l’anello di Montecchio Vesponi al tracciato Plus dello scorso anno, allungando alla massima distanza il tracciato dell’ultra trail.

Partenza alle 8 per la classica Ronda, 45 km spettacolari, con in coda partenza della marcia Ardita da 23 km per i camminatori; alle 9 start per Ronda Assassina da 25 chilometri, concentrato di velocità e abilità, e per la Minima da 13. Per completare le prove competitive, debutta l’Endurance dog trail per chi corre con a fianco il proprio cane, specialità emergente che attrae per la simbiosi tra atleti e cani. Un ventaglio di tracciati per ogni gusto ed esigenza. Con il sabato riservato alla suggestiva Sky Night, competizione che parte alle 18 e vede i podisti correre muniti del proprio faro personale su un percorso di 15 km. Il sabato Orienteering alla Ronda, e primo raduno per appassionati di Mountain bike con direzione Sant’Egidio, oltre ad una serie di gare per giovani sparvieri.

Ci sono anche le camminate, a disposizione di chiunque voglia mettersi in movimento alla scoperta o riscoperta dei sentieri castiglionesi. Outdoor per tutti. Mobilitate per il week end e orchestrate dagli organizzatori, tutte le associazioni locali che daranno il loro contributo negli aspetti organizzativi, logistici e per allestire i mitici ristori lungo il percorso. Le novità non sono finite perché la Ronda propone un concorso fotografico, con gli scatti della manifestazione che daranno vita ad una sfida con premiazioni al Maggio Castiglionese.

E poi il premio letterario Ronda Ghibellina, perché il trail è roba fisica ma anche mentale, è avventura e narrazione. Madrina della manifestazione sarà la super runner Francesca Canepa, campionessa e regina dell’ultra trail, autrice del libro “Ultra trail du Mont Blanc. La mia olimpiade”, che presenterà a Castiglion Fiorentino prima di schierarsi al via.

Sale l’adrenalina. Una grande macchina messa a punto. Purtroppo niente pasta party né expo al palazzetto per le note restrizioni ma il paese allargherà le braccia al popolo del trail. Area Green pass, con accesso solo a chi lo ha. Meteo previsto buono ma freddo come nella tradizione dei giorni della merla. Lo sparviero della Ronda allarga le ali ed è pronto a decollare.