Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, la favola di Samuele Angori dalla Fratta di Cortona alla Serie A con il Torino

Foto:  Samuele Angori (foto Maurizio Dreosti)

Nicola Brandini
  • a
  • a
  • a

Per l’aretino Samuele Angori il 23 gennaio 2022 resterà una data per sempre impressa nella memoria. Difficile infatti per un ragazzo come lui di appena 18 anni, e che sogna di fare il calciatore, dimenticarsi della prima convocazione in serie A. Già, perché tra i 23 convocati dall’allenatore del Torino Ivan Juric, per la partita Torino-Sassuolo di domenica scorsa, figurava anche il nome di Samuele.

Lui che a Torino è arrivato in prestito dal Perugia ad inizio stagione per vestire la maglia della squadra Primavera. Ma la storia di Samuele (foto di Maurizio Dreosti)  inizia ad Arezzo e più esattamente alla Fratta, il paese nel comune di Cortona che lo ha visto nascere e crescere anche come calciatore. Ed è proprio con la maglia rossoverde della Fratta che Samuele ha tirato i primi calci al pallone dimostrando fin da subito grande forza fisica abbinata ad una ottima tecnica di base. Le sue qualità non sono sfuggite agli osservatori della Fiorentina, che l’hanno portato in maglia viola quando Samuele aveva appena 9 anni.

Nel settore giovanile della Fiorentina è rimasto fino a quando di anni ne aveva 14, poi i momenti della vita e le esigenze familiari lo hanno portato ad avvicinarsi a casa. È così che, tramite l’amico di famiglia Claudio Giulianini, Samuele si trasferisce in un altro settore giovanile altrettanto prestigioso come quello del Perugia. Con il Grifo saranno tre anni intensi, fino all’approdo in Primavera nella stagione 2020/21.

Durante la stagione Samuele si guadagna 12 convocazioni con il Perugia dei grandi allenato da mister Caserta, senza mai subentrare. Poi, quando la nuova stagione era alle porte, dopo aver svolto la preparazione con la prima squadra del Perugia (che nel frattempo aveva vinto il campionato ed era salita in B) e aver giocato alcune amichevoli pre-stagionali, arriva la chiamata del Torino Primavera.

Con mister Federico Coppitelli, dal momento del suo arrivo, Samuele in maglia granata non salterà una partita e da terzino sinistro ha collezionato fin qui cinque assist in 14 partite. E adesso la chiamata, tanto inaspettata quanto sognata, da mister Juric. Una chiamata che avrà inorgoglito il padre di Samuele,

Juri Angori, ex calciatore e allenatore molto conosciuto nel mondo dei Dilettanti in provincia di Arezzo (ha vestito, tra le altre, le maglie di Montagnano, Castiglionese, Cortona, Capolona e Monterchi prima di allenare nei settori giovanili di Cortona e, appunto, Fratta S. Caterina). Ma la dedica speciale per questa prestigiosa convocazione con i “grandi” arriva da chi lo ha visto crescere, il “suo” preparatore atletico Vittorio Polvani.

“Questa prima convocazione descrive tutto – scrive Vittorio su Facebook – siamo solo all’inizio di un lungo percorso che auguriamo tutti a Samuele possa essere pieno di soddisfazioni. Samuele Angori dalla Fratta S. Catetrina, da poco diciottenne, il ‘mancino diabolico’, il ragazzo che ha sempre creduto nei sogni e che di fatica, impegno, educazione e tanta tantissima classe calcistica e atletica ha fatto la sua fede. Complimenti Samuele dal Prof”.

Per Samuele la convocazione in prima squadra è stata solo l’inizio di un percorso che continuerà sabato, ma con il Torino Primavera: c’è da giocare il derby con la Juventus. In attesa della prossima chiamata nel mondo dei grandi.