Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, inquilina denuncia padrone di casa: "Entrato nella mia camera, mi ha molestata". Assolto uomo di 83 anni

  • a
  • a
  • a

“Me lo sono trovato in camera da letto, mi ha palpeggiata e voleva baciarmi”. Inquilina accusa il padrone di casa che rischia la pesante condanna a due anni e due mesi di reclusione. Ma alla fine l’uomo, un foianese di 83 anni, esce assolto dallo scomodo processo perché “il fatto non sussiste”. Si è sciolta come neve al sole l’imputazione per atti sessuali e violazione di domicilio che ha portato a giudizio davanti al tribunale di Arezzo in composizione collegiale, un uomo di Foiano della Chiana. La vicenda è particolare perché la trama del fatto racconta di un ottuagenario che utilizzando la copia delle chiavi dell’appartamento, sarebbe riuscito a sgattaiolare nell’alloggio dell’inquilina, una donna kosovara, e ad avvicinarsi al giaciglio dove stava riposando. Mani allungate e tentativi di approccio sessuale. Un episodio avvenuto nell’agosto 2019 e che non sarebbe stato isolato, come se l’uomo avesse delle attenzioni particolari per l’inquilina. Ma nel processo celebrato ieri alla Vela, l’avvocato difensore Gianni Bennati ha fatto notare ai giudici che la querela della donna fu presentata ai carabinieri di Foiano l’11 settembre, lo stesso giorno in cui l’ottantenne aveva sfrattato la donna per morosità. Oltre a non esserci una prova concreta della colpevolezza del foianese, la denuncia poteva quindi inquadrarsi come una specie di vendetta. Incensurato e irreprensibile, secondo l’avvocato difensore l’uomo non può aver “svalvolato” così all’improvviso con condotte che non gli sono proprie in un ambiente - lo stesso palazzo - condiviso con altre persone e dove alloggia anche il figlio. E poi la querela è arrivata a scoppio ritardato e non nell’immediatezza dei presunti fatti configurati come atti sessuali e violazione di domicilio: perché? A fronte dei molti dubbi e della scarsa tenuta del quadro accusatorio, il presidente del collegio di giudici, Ada Grignani, ha assolto l’uomo. Le motivazioni spiegheranno come si è arrivati alla determinazione che le accuse della donna erano infondate.

Lu.Se.