Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, storie di donne: Martina e Chiara, 58 anni in due fondano nuova società e sfidano il Covid

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Una squadra tutta al femminile, un sogno che inizia nel 2008 e si allarga nel 2022, due anni dopo la pandemia. “Crederci sempre”, lo ripete come un mantra Martina Pitti, estetista e titolare del centro Ariabeautyspa, ex Beauty Line in via Montefalco ad Arezzo. Oggi Martina ha 33 anni e al suo fianco c’è Chiara Domini che di anni ne ha 25. Dall’inizio di quest’anno hanno deciso di camminare fianco a fianco: da dipendente (Chiara) a socia. “Scalpitavo volevo fare qualcosa, magari anche aprire un salone tutto mio - racconta Chiara - Ma mi dispiaceva anche solo il pensiero di lasciare Martina. Poi un giorno mi ha detto ‘entra come socia’ e ho subito detto sì. Senza pensarci un attimo”. Come tutto è cominciato cioè “senza pensarci un attimo”. Martina ha appena 19 anni quando entra come dipendente nel negozio Beauty Line. Un’altra titolare, un altro tutto. E’ il 2008 e quattro anni dopo, diventa titolare. “Avevo appena 23 anni. La Paola (ex titolare ndr) andava in pensione. Senza pensarci un momento ho preso al volo l’occasione. Sono treni sui quali ci devi salire subito, altrimenti passano e chissà quando tornano”. Non è sola, Martina, è insieme ad un’altra ragazza le cui strade si dividono nel 2015. “A 26 anni mi sono ritrovata da sola a gestire il negozio - racconta - Ma più che farmi prendere dalla paura, mi sono fatta prendere dall’entusiasmo. Mi sono rimboccata le maniche. Sapevo che volevo fare questo mestiere e sono andata avanti”. Un mese dopo arriva Sara Moretti, che ancora oggi fa parte della squadra e poi nel 2018, si presenta Chiara. Oggi Martina e Chiara sono le due titolari: 58 anni in due e poche “ciance”. Lavorare, ingrandirsi e rilanciare il loro negozio. Una squadra tutta al femminile: “Amiche, prima che colleghe - sottolinea Martina - E’ questo il segreto per lavorare insieme. Ascoltarci, anche litigare se ce n’è bisogno, ma soprattutto parlare. E lavorare. Oggi abbiamo anche difficoltà a trovare una stagista, perché non c’è più lo spirito di sacrificio di un tempo”. Loro invece schiena dritta e sorrisi anche quando la pandemia chiuse tutti in casa: “Ma anche allora non ci siamo abbattute, anzi. Abbiamo riscoperto i social, abbiamo dato consigli on line alle nostri clienti, abbiamo venduto i nostri prodotti on line. Nessuna si è persa d’animo e io in primis - dice Martina - non ho mai dubitato per una volta ‘chissà se riaprirò’, ma dicevo ‘quando riaprirò farò...’”. E grazie alla determinazione e al lavoro professionale che svolgono ogni giorno, che il salone ha accolto sempre più clienti: “Certo, il fatto di essere così giovani, ci penalizza un po’ verso la clientela più ‘grande’, invece è diverso con le ragazze della nostra età”. Ma il pubblico al quale si rivolgono spazia davvero dalle adolescenti fino alla signora più “vintage” grazie anche alle proposte sempre nuove e ai consigli puntuali. E a quei sorrisi con i quali Martina (33 anni), Chiara (25 anni) e Sara (27 anni) accolgono le loro clienti. E oggi? “Oggi è l’8 marzo e a tutte le donne vorremmo solo dire: ‘credete sempre nei vostri sogni. Noi l’abbiamo fatto”. E non finisce mica qui, perché il bello (delle donne), deve ancora arrivare. Buon 8 marzo.