Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il cantautore Battaglino indossa cappello Panizza per brano sui ciechi. L'azienda finanzia videoclip

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Un cappello che fa la differenza. Lo indossa il cantautore Giovanni Battaglino nel videoclip della splendida canzone “Non ho occhi” che affronta in modo non banale il delicato tema degli ipovedenti. Il copricapo usato dall’artista è una delle migliori espressioni della manifattura aretina di alta qualità: un cappello Panizza, realizzato nello stabilimento Falcus srl di Montevarchi, eccellenza toscana che spicca nel mondo per cura e prestigio del feltro lavorato manualmente. A Montevarchi, ormai da anni, si sono incrociate la storia di Panizza (attività avviata nel 1879 a Ghiffa sulle sponde del Lago Maggiore) e la tradizione dei cappellai valdarnesi, tramandata di generazione in generazione: artigiani specializzati nel feltro a differenza dei fiorentini, abili con la paglia. 
Attratta dalla proposta musicale e dal messaggio di Battaglino, la stessa azienda montevarchina, sensibile all’argomento, ha voluto partecipare attivamente al video rendendosi disponibile a coprire le spese per la realizzazione del videoclip. Un’iniziativa che fa onore a Falcus - Panizza, azienda con una decina di dipendenti che produce cappelli ritenuti tra i migliori a livello internazionale. Produzione di 35 mila capi all’anno per Italia ed export, indossati anche in film e da vip.
Il singolo “Non ho occhi” parla, con sensibilità e corde speciali, di non vedenti. Gli autori del testo sono Giovanni Battaglino (sua la musica) e Carlo Pestelli. Battaglino, cantautore pinerolese, nel video si muove sulle strade di Torino in vari ambienti e in alcune scene porta il cappello Panizza. 
Giovanni Battaglino ha segnalato la sua iniziativa all’azienda ed ha esposto il suo progetto musicale e sociale, che vede coinvolti Unione Ciechi Italiana e Torino Film Commission. L’adesione di Panizza - Falcus è stata totale ed entusiastica. Il brano, apprezzabile musicalmente, nei contenuti stravolge il luogo comune del cieco come persona avvilita per la sua condizione. In realtà, grazie a cani guida, nuove tecnologie e al loro bagaglio percettivo, i ciechi vivono delle vite appaganti. Spesso chi pensa di giudicare con occhi sani non sempre è in grado di interpretare bene la realtà. Una condizione di diversità, quindi, non di handicap. 
Giovanni Battaglino ha alle spalle tour con Ennio Morricone e Giovanni Allevi, collabora con la scrittrice Laura Pariani, ha svolto una intensa attività in ambito lirico sinfonico in Italia e all’estero e pubblicato un disco solista, nel 2019, dal titolo Alla porta dei sogni. La <CF1402>ballad</CF> “Non ho occhi” anticipa il nuovo album ed è disponibile su Spotify e tutte le piattaforme digitali. “Certi occhi non guardano ma vedono / certe cose che tu di avere non sapevi / e conservano tutto quello che bruciavi / mentre guardavi”, canta Battaglino.