Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, 125 giorni di sagre. Il calendario definitivo

Esplora:

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

125 giorni di sagra sui 128 utilizzabili all’interno del territorio comunale. Definito ufficialmente il calendario al quale è stata aggiunta la sagra della tagliata di Agazzi che aveva presentato in ritardo - da ottobre a marzo - la documentazione. Nella seduta dello scorso 21 marzo, la Giunta ha dato parere favorevole e dunque via alle manifestazioni che tornano dopo due anni di stop. La prima a tagliare il nastro, è la sagra del maccherone che si svolge a Battifolle. Partirà il 27 di maggio e avrà una durata complessiva di otto giorni. La sagra della tagliata di Agazzi, invece è in programma dal 28 al 31 luglio e dal 4 al 7 di agosto. Nella delibera di Giunta si legge che: “la richiesta viene accolta al fine di poter favorire, dopo due anni di sostanziale sospensione per motivi legati alla pandemia, la ripresa delle attività ricreative, di socializzazione e di aggregazione nelle frazioni del territorio comunale”. Sempre nella delibera vengono elencate le regole che dovranno seguire tutte e 17 le manifestazioni che si svolgeranno nel territorio comunale. A cominciare dal menù. “E’ ammessa la somministrazione di pizza margherita e sono ammesse massimo sei portate tra primo e secondo piatto, oltre a un solo antipasto e ad numero massimo pari a 3 contorni”. Ovviamente: “Qualora non venga presentato al momento della richiesta di autorizzazione allo svolgimento della sagra o festa paesana un menù conforme alle suddette prescrizioni, non si darà luogo al rilascio dell’autorizzazione prevista per lo svolgimento della sagra/festa paesana interessata”. Nelle settimane scorse aveva tenuto banco la proposta del consigliere dei 5 Stelle, Michele Menchetti, il quale aveva chiesto che fossero inseriti piatti vegani, vegetariani e gluten free per coinvolgere tutte le tipologie di alimentazioni. Richiesta che era stata successivamente bocciata dalla commissione sagre. E dunque tutto il comparto legato alle manifestazioni del territorio è pronto a ricominciare dopo due anni di silenzio legati alla pandemia. Queste le 17 sagre, in ordine cronologico, che stanno per riaccendere i motori: Sagra del Maccherone (Battifolle), Chiassa in festa (Chiassa Superiore), Festa Antichi Sapori Aretini (Indicatore), sagra della Ciliegia (Bagnoro), Festa Paesana (San Polo), Sagra del Crostino (Pratantico), Sagra della Bistecca (Olmo), Rievocazione Storica della Mietitura e Battitura (Ruscello), Sagra della Tagliata (Agazzi), Antica Rievocazione Storica della battitura del Grano (Ponte Buriano), Sagra della pappardella (Policiano), Ferragosto Poggiolino (Le Poggiola), Festa al vecchio ponte (Ponte alla Chiassa), Antica festa del tegame (Monte Sopra Rondine), Festa della Dea (Venere), Sagra del fungo porcino (Ceciliano), Sagra della polenta (Rigutino) che chiuderà i 125 giorni di manifestazioni tipiche.