Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Muore travolto da lastre di vetro: addio a Enzo Boriosi, presidente del club ciclistico di Sansepolcro

Davide Gambacci
  • a
  • a
  • a

Muore schiacciato da una lastra di vetro. La vittima dell’incidente sul lavoro è Enzo Boriosi, 65enne di Sansepolcro, nato a Pieve Santo Stefano. La tragedia si è consumata nel pomeriggio di lunedì 11 aprile alla Lasi Glass di San Giustino Umbro. L’uomo stava movimentando il materiale che, per cause da accertare, lo ha travolto procurandogli lesioni irreversibili.

Figura molto conosciuta in Valtiberina per essere il presidente del Velo Club Sansepolcro, società sportiva impegnata nel mondo delle due ruote – ma non solo - nata alcuni anni fa dalla scissione della Ciclistica Sansepolcro, Boriosi era una persona molto attiva, oltre che essere grande appassionato della bicicletta. Con il Velo Club insieme ai collaboratori aveva dato vita alla Maratona degli Appennini, gara di ciclismo su strada con partenza proprio da Sansepolcro per toccare poi vari punti della Valtiberina; l’edizione 2022 è in programma per domenica 24 aprile. 

E il suo ultimo post su Facebook della tarda mattinata di ieri è stato proprio un invito a partecipare a questo evento.
Enzo Boriosi, poi, era anche in una delle liste – esattamente quella di Moderati e Riformisti – che hanno appoggiato nell’autunno scorso il candidato sindaco, poi divenuto primo cittadino, Fabrizio Innocenti. Tutta da ricostruire ancora la dinamica affidata ai carabinieri della Compagnia di Città di Castello insieme ai tecnici del Pisll (Dipartimento di prevenzione e sicurezza nei luoghi di lavoro). Il 65enne, pare fosse in pensione per età ma svolgeva ancora delle piccole mansioni.

E’ sempre stato impegnato professionalmente nel settore del vetro. Prima in un’azienda con sede a Sansepolcro e da alcuni anni in quella di San Giustino dove si è poi consumata la tragedia.
L’azienda è situata nell’immediata periferia di San Giustino. L’allarme è stato lanciato poco prima delle 18, i colleghi di lavoro hanno anche tentato di liberare Boriosi dalle pesanti lastre che lo hanno travolto ma senza riuscirci. Sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia tifernati, i vigili del fuoco del distaccamento tifernate e un equipaggio del 118. Poi anche i tecnici del Servizio della Usl 1, impegnati a ricostruire con esattezza cosa è successo, coordinati dal magistrato di turno della Procura di Perugia. L’inchiesta dovrà fare piena luce sull’accaduto facendo chiarezza su ogni aspetto per comprendere se poteva essere evitata. 
La notizia è piombata a Sansepolcro inattesa ed ha suscitato sgomento, incredulità e dolore.