Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, imprenditore cerca incastonatore da due anni: "Situazione assurda"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

C’è un’altra storia che riguarda la ricerca di figure professionali che è, come la definisce lo stesso titolare “più che assurda”. Lui è Steve Angeli, titolare della ditta Steli d’Oro, molto famosa ad Arezzo. Un’azienda orafa che si trova a Pescaiola, a conduzione familiare e molto avviata nel campo degli affari. “Da due anni - dice Steve - sto cercando un incastonatore. Una persona che ‘metta’ i diamanti nei gioielli o le pietre preziose. Quindi un lavoro, se vogliamo, anche di responsabilità. Ma sembra incredibile, in questi due anni io non l’ho trovato”. Si parla quindi di una ricerca che risale a pre pandemia, quando nessuno conosceva il Covid e quando nelle aziende il lavoro andava via senza crisi. “Già da allora cercavo qualcuno, ma niente da fare”. Una situazione che alla fine si è aggravata quando finita la pandemia, il titolare si è ritrovato al punto di partenza e cioè senza un incastonatore. “Ho bussato a tutte le porte. Dalle agenzie per il lavoro ai centri per l’impiego. Ho chiesto anche ad amici se avessero qualcuno da consigliarmi”. “La gente arriva, magari sta un mese e mezzo e poi se ne va”, prosegue ancora Angeli. E non si parla di aziende o titolari che in qualche modo “giocano” sul contratto. “Assolutamente. Noi inquadriamo le persone che vengono da noi con un regolare contratto. Alla nostra azienda, ringraziando tutti, per fortuna non è mai mancato niente. Abbiamo sempre lavorato”. Ma l’incastonatore, da due anni, non si trova. “Addirittura, in questo ultimo periodo ho chiesto anche solo di mandarmi gente che abbia voglia di lavorare e di imparare. Sono disposto ad insegnare loro il mestiere”. Sembra davvero un paradosso. Il lavoro c’è, manca chi lavora. E in questi ultimi periodi non è l’unico. Tanti imprenditori stanno cercando figure professionali da inserire nella propria azienda. Tra queste ci sono infatti operai orafi, così come anche saldatori. E’ il caso dell’imprenditore del Bangladesh che nella sua azienda di Subbiano ne cerca dodici. Per non parlare dei ristoranti. Quotidianamente ci sono annunci di ricerca di personale. Dai camerieri agli aiuto cuochi. “Ma la gente - conclude Steve Angeli - preferisce stare a casa. Il reddito di cittadinanza ha fatto davvero male al mondo del lavoro. Ha prodotto situazioni come la mia che da due anni provo a cercare una figura professionale e non la trovo”. E la ricerca continua.