Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vandali in Pratomagno, distrutta area riqualificata

  • a
  • a
  • a

Oltre 130 mila euro di lavori realizzati nel versante casentinese del Pratomagno, sono stati polverizzati da atti vandalici ripetuti. L’area di sosta di Fonte del Duca, che appena qualche settimana fa era stata completamente ripristinata con l’inserimento di staccionate e la ristrutturazione del rifugio, è stata ripetutamente presa di mira da un gruppo di vandali che dopo aver tolto e danneggiato gli arredi in legno, hanno imbrattato la tinteggiatura del rifugio, la cappa fumaria, la zona esterna dedicata al barbecue e i mattoncini del camino interno, installati uno ad uno ad opera d’arte. Ma non solo, perché da alcuni giorni i danni stanno interessando anche le strade oggetto di un intervento dal valore di 500 mila euro. Nonostante le ordinanze di chiusura, i transennamenti e la cartellonistica installata all’accesso dei sentieri è stata più volte tolta, danneggiata e gettata bruscamente nei fossi presenti nell’area. Dopo un primo tentativo di ripristinarla, i vandali hanno colpito di nuovo tutti i transennamenti con l’obiettivo di passare con quad e fuoristrada. Ma c’è di più perché il personale dell’Ente addetto ai lavori, nelle scorse settimane è stato più volte offeso e minacciato da alcuni passanti, scocciati dalla chiusura delle strade. “Siamo profondamente delusi e amareggiati da questi continui comportamenti, gravi e inqualificabili. Ad oggi non siamo riusciti ad individuare i responsabili nonostante i controlli continui delle guardie addette – ha dichiarato la presidente dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino Eleonora Ducci – grazie ad un finanziamento della Strategia d’Area Casentino Valtiberina, stiamo investendo in Pratomagno circa 800 mila euro ma il rischio è che a fine stagione estiva sia stato tutto polverizzato. Il rifugio appena ristrutturato e riqualificato è completamente pieno di scritte, con danni che devono ancora essere quantificati ma che riguardano sia l’area interna che quella esterna, compresa tutta la staccionata in legno del parcheggio. Mezzi pesanti, come fuoristrada e quad, continuano a passare sopra le strade appena livellate o asfaltate, ignorando i divieti e danneggiandole in modo da annullare il lavoro di messa in sicurezza. Se questa è la situazione dopo pochi giorni dalla fine degli interventi, possiamo dire di essere seriamente preoccupati per quel che accadrà durante la stagione estiva. Faccio un appello affinchè si comprenda che i lavori hanno l’obiettivo di migliorare e valorizzare la zona, per il bene di tutti e non ha davvero alcun senso rovinare tutto mandando in fumo soldi pubblici. Ovviamente abbiamo raccolto tutto il materiale e invitiamo a fare segnalazioni qualora si vedano persone compiere atti del genere”.