Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, Giostra: il bozzetto di Roberto Felici per la Lancia d'oro. Il Thevenin e quel messaggio di speranza

Sara Polvani
  • a
  • a
  • a

La Giostra si prepara per l’edizione di giugno. Sono stati presentati ieri mattina, nella Sala Rosa del Comune di Arezzo, il bozzetto vincitore del concorso per la Lancia d’Oro del 18 giugno, insieme al percorso storico celebrativo nei quartieri per il 90esimo anniversario della nascita delle Società di Quartiere (23 marzo 1932). 

 

 

“Riaccendiamo i motori della Giostra, presentiamo il bozzetto scelto dalla Giunta e dal consigliere delegato, Paolo Bertini, per rappresentare al meglio la dedica di giugno di quest’anno che è all’Istituto Thevenin”, ha spiegato il sindaco Alessandro Ghinelli, “Si è aggiudicato il concorso Roberto Felici, che ci ha raccontato anche la storia dietro: suo padre è stato per tanti anni il tecnico del Thevenin, quindi lui lo conosce molto bene, ha rappresentato l’istituto in maniera molto bella e ora sarà compito di Francesco Conti realizzarla in 3D”.

 

 


Per la realizzazione della lancia di giugno, infatti, l’amministrazione comunale aveva chiesto ai vincitori delle passate edizioni del concorso di idee dei bozzetti per l’impugnatura (che si è svolto fino al 2016) di inviare su base volontaria una propria proposta. Marco Stefano Azzoni, Rita Rossella Ciani e Roberto Felici gli autori dei bozzetti presentati all’amministrazione tra i quali è stato scelto il progetto dell’aretino Roberto Felici. 

 

 

 

“Per me è una soddisfazione enorme perché è la seconda volta che riesco ad aggiudicarmi questo concorso per il bozzetto della Lancia d’Oro, quindi la mia passione della Giostra si concretizza anche in questo”, ha aggiunto Roberto Felici, architetto e rettore di Porta del Foro, “Rappresenta via Sassoverde di notte, dove si trova l’Istituto Thevenin, che ha il portone aperto dal quale esce un raggio di luce che illumina parte della strada e nella quale in ombra si trovano delle piccole figure, una mamma con due bambini, quasi a significare che questo raggio di luce sia la speranza che aiuta tanti bisognosi di questa città. È una Lancia di facile lettura, orientata anche ai bambini, che possano subito comprendere l’importanza di questa istituzione cittadina. Mio padre è stato per tanti anni il tecnico dell’Istituto Thevenin e da bambino mi portava prima delle principali festività all’istituto per gli auguri alle suore che vi lavoravano, ho ancora nitidi questi ricordi. Quindi è doppiamente importante per me”. L’indimenticato Gian Carlo Felici, padre di Roberto, è stato anche lo storico rettore di Porta del Foro.

“Per quanto riguarda la dedica al Thevenin mi preme sottolineare che è stata recuperata come intitolazione, nonostante cadesse due anni fa, perché il Thevenin è davvero una istituzione importante per la città”, ha detto Paolo Bertini, “Le iniziative sono state istituite per festeggiare i 90 anni della costituzione dei quartieri, quindi ci sono quattro eventi organizzati nelle sedi dei Quartieri dove verranno discussi i temi inerenti alla Giostra. Aspettiamo numerosa la gente di Giostra a queste serate”. 


“Dopo il meraviglioso successo della mostra 90 anni sulla lizza”, ha commentato Martina Municchi, recentemente riconfermata dal Consiglio comunale per il Consiglio della Giostra insieme a Paolo Nocentini, “non siamo voluti rimanere in silenzio in questo anno che segna un passo in più verso il ritorno alla normalità”. 
Per iniziativa del Consiglio della Giostra, in collaborazione con i quartieri e il supporto dell’amministrazione comunale, gli appuntamenti partiranno oggi da Porta Santo Spirito per proseguire martedì 24 maggio a Porta Sant’Andrea, domenica 29 a Porta Crucifera, per concludersi venerdì 3 giugno a Porta del Foro.