Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, arrestati madre e figlio: in casa spaccio di droga proveniente da Napoli. Cucina e congelatore i nascondigli

  • a
  • a
  • a

Droga da Napoli per la piazza di Arezzo. Arrestati madre e figlio. Il gip Giulia Soldini ha emesso la duplice ordinanza di misura cautelare in carcere in seguito alle indagini scattate nell’estate del 2021 da parte del Nucleo Investigativo di Arezzo.

Gli investigatori dell'Arma, partendo da informazioni ed elementi acquisiti in città, sviluppando le indagini con metodi tradizionali e moderni, sono risaliti ai probabili fornitori di hashish, marijuana e cocaina. La donna (classe 1978) e il figlio (del 1998), originari della Campania, ben integrati nel tessuto sociale aretino da anni, pur non svolgendo ufficialmente alcuna attività lavorativa, avrebbero condotto l'attività di spaccio come fonte di sostentamento. 

L’abitazione degli indagati e le pertinenze erano il luogo degli scambi. Proprio il continuo via vai di persone presso il domicilio degli indagati, ha indotto i carabinieri ad ottenere lo scorso autunno una perquisizione la cui esecuzione, supportata dalla presenza di unità cinofile, ha fatto rinvenire e sequestrare una notevole quantità di stupefacente di vario tipo.

Nello specifico, all’interno della cucina dell’abitazione dei due venivano trovati gr. 6 di hashish, mentre occultati all’interno di un congelatore in disuso riposto nel vano cantine del medesimo stabile, si sequestravano gr. 38 di sostanza stupefacente tipo cocaina suddivisa in 7 dosi e 4 panetti di altra sostanza, nonché materiale per il confezionamento. La sostanza stupefacente si ritiene provenisse da Napoli.

Sono stati successivamente raccolti elementi di colpevolezza per richiedere ed ottenere la misura Cautelare, eseguita dall'Arma di Arezzo con l’ausilio dei colleghi di Napoli e del Nucleo Carabinieri Cinofili di Firenze mercoledì mattina 18 maggio.

I due indagati che venivano tratti in arresto, rispettivamente l’uomo ad Arezzo e la donna in Campania, potranno ora rispondere alle accuse mosse nell'interrogatorio in programma domani.