Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, minaccia e tenta rapina in pizzeria

  • a
  • a
  • a

Ha tentato una rapina in una pizzeria del centro di Arezzo minacciando la titolare con un collo di bottiglia. 
Le urla dei familiari della donna lo hanno fatto fuggire e dopo qualche decina di metri, lungo Corso Italia, è stato intercettato da una pattuglia della Polizia municipale impegnata nei controlli nei luoghi della movida.
L’uomo, un quarantenne residente in un centro del Valdarno, è stato denunciato a piede libero per tentata rapina.
Si sono vissuti momenti di paura e tensione nella tarda serata di venerdì in un noto locale della città. 
Sono le 23.30 quando un uomo entra nella pizzeria. Si avvicina alla cassa e intima alla titolare di consegnargli l’incasso della serata. La donna ha un momento di esitazione e il balordo allora tira fuori dalla felpa che indossa un collo di bottiglia e con questo la minaccia. 
Quanto sta avvenendo non sfugge allo sguardo di una dipendenti che si mette ad urlare, richiamando l’attenzione del marito e del figlio della donna. 
Il rapinatore, vistosi scoperto, esce precipitosamente dal locale e scappa, cercando di far perdere le proprie tracce. I familiari della titolare lo inseguono, mentre l’uomo tenta di fuggire lungo Corso Italia.
Proprio in quel momento transita nella zona una pattuglia della Polizia municipale. Gli agenti raccolgono la segnalazione e si mettono all’inseguimento del balordo che intanto ha cercato di liberarsi del collo di bottiglia gettandolo in un cestino. Un gesto che viene notato dagli agenti che poi recuperano quel pezzo di vetro. 
Il cerchio sull’uomo si sta stringendo. Viene raggiunto e bloccato mentre si trova in piazza Guido Monaco. 
Gli agenti lo accompagnano nella sede del comando di via Setteponti per essere identificato. E’ un quarantenne, residente in Valdarno, già conosciuto dalle forze dell’ordine.
Al termine degli accertamenti e della ricostruzione dell’episodio di cui si è reso protagonista, nei suoi confronti viene formalizzata una denuncia a piede libero. Dovrà rispondere di tentata rapina.[FIRMAPIEDE]