Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, Rolls Royce che fu di Licio Gelli e poi del nipote al centro di una battaglia giudiziaria

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

“Quella Rolls Royce è mia. Ma quale appropriazione indebita, sono vittima di una calunnia”. Licio Gelli junior, 41 anni, nipote del maestro venerabile della P2 morto nel 2015, sarà parte civile nel processo in programma venerdì prossimo al tribunale di Arezzo con imputato il liquidatore della concessionaria Vip Car, Angiolo Crivellari, 70 anni. E’ una storia intrecciatissima scoppiata nel 2018 quando la Polizia Stradale di Arezzo, dietro denuncia sporta dal liquidatore, rinvenne la vettura in un capannone di via Ferraris nelle disponibilità del 41enne. Sulla Rolls ma anche su altre vetture si aprì un braccio di ferro in sede civile e anche penale tra Licio jr, figlio di Maurizio Gelli, operante nel commercio di automobili, e l’imprenditore romano che era diventato proprietario e quindi liquidatore di Vip Car, società dalla quale Gelli era uscito. Crivellari lamentava la sparizione di alcune auto e di crediti. A mettere le mani sul groviglio di relazioni commerciali e d’affari, scritture private e atti, fu l’allora sostituto procuratore Andrea Claudiani. Scattarono anche sequestri e relativi ricorsi. Denunce e contro denunce. Licio jr ha sempre contestato con decisione l’accusa di appropriazione indebita e dalla sua ferma posizione è nato il procedimento che il 10 giugno arriva davanti al giudice. Nella vicenda giudiziaria il nipote dell’ex venerabile è assistito dall’avvocato Gianni Di Santo del foro di Roma e dall’avvocato Roberto De Fraja. 
Il caso verte su una bellissima macchina dal muso glamour che apparteneva in origine proprio all’ex capo della P2. Una proprietà del tutto slegata, secondo la difesa di Gelli junior, dalle questioni della concessionaria. Come pure sarebbe estranea la Mercedes anch’essa al centro del procedimento. A provarlo ci sarebbe una dichiarazione scritta e pertanto Licio Gelli jr, che ritiene di essere stato incolpato ingiustamente, chiederà di essere risarcito. 
Tornando alla Rolls Royce, si tratta di un modello Cloud 1 di colore scuro. Risulta immatricolata negli Usa nel 1957 ed era stata acquista da Licio Gelli senior nel 2004. Un veicolo per appassionati che nel 2018 era stimato sugli 80 mila euro di valore. Quando gli agenti della Stradale la trovarono, era protetta dall’originale copertura, un guscio fatto apposta per preservare anche la celebre statuetta posizionata sul cofano.