Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, Fiera Antiquaria in notturna a luglio. Confcommercio: "Noi siamo pronti"

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

“Fiera in notturna insieme ai saldi? Noi siamo pronti”. Catiuscia Fei vice direttore di Confcommercio Arezzo plaude alla proposta dell’assessore al turismo, Simone Chierici di tentare un prolungamento della Fiera Antiquaria nell’edizione di luglio che coincide con l’inizio dei saldi. “E’ un’iniziativa che abbiamo sempre appoggiato e che anzi abbiamo promosso fin da quando era sindaco Fanfani e forse anche prima”, continua Fei. “Specialmente quando la Fiera coincide con l’inizio dei saldi che a luglio è quasi sempre”, dice ancora il vice direttore. “Anche perché diventa triste, quando c’è lo shopping sotto le stelle, vedere i banchi della Fiera chiusi, invece sarebbe opportuno che gli espositori rimanessero aperti fino a tardi”. Nei prossimi giorni, a proposito degli espositori, l’assessore al turismo Simone Chierici farà un sondaggio per capire gli umori e la tendenza. “Sappiamo che spesso la problematica è nata proprio dagli espositori. Alcuni favorevoli, altri contrari. C’è chi non è propenso a restare aperto fino a tardi, ma secondo noi sarebbe invece una valida soluzione per i mesi estivi soprattutto luglio e agosto, ma anche giugno. I turisti - dice ancora Fei - quando girano per la nostra città, penso che lo farebbero più volentieri con il fresco piuttosto che con il sole a picco”. Ma c’è un altro problema di natura tecnica che è quello relativo all’illuminazione. Se i banchi della Fiera resteranno aperti fino a tardi, è chiaro che dovranno essere illuminati. Anche su questo, però, il vice direttore ha alternative tecniche: “Da quando abbiamo proposto l’iniziativa della Fiera in notturna sono cambiate diverse situazioni a cominciare dagli stessi generatori che oggi come oggi sono ad impatto zero e che hanno un utilizzo il cui costo non è eccessivo e dunque potrebbe essere un’alternativa, da approfondire. Che ovviamente non spetta a noi come categoria, ma che potremmo suggerire”. La macchina organizzativa dunque per l’edizione di luglio sembra essersi messa già in moto. Certo, il cardine di tutto questo, sono gli espositori che se accettano, potrebbero anche decidere di dividere la giornata in modo che possono fare una sosta nelle ore più calde della giornata. “Fare coincidere lo shopping sotto le stelle - sottolinea ancora Fei - con l’edizione della Fiera di luglio e quest’ultima restare chiusa è davvero triste, perché dovrebbe essere una festa per la città dove i banchi restano aperti fino a tardi, come i negozi”. Intanto anche nell’ultimo fine settimana, nonostante le alte temperature, tantissimi turisti hanno invaso le strade di Arezzo, anche se qualche espositore sotto il sole della Toscana, intorno alle 19 ha preferito rimettere il banco. Stanchezza e caldo si sono fatti sentire, ecco perché non sarebbe male strizzare l’occhio alla Fiera di notte.