Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, torna la Festa della ciliegia al Bagnoro e apre alle aziende agricole

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Torna la Festa della Ciliegia al Bagnoro e lo farà con una novità. Quella di dare gratuitamente uno spazio agli ambulanti e alle aziende agricole per esporre i loro prodotti. 
E’ la prima volta che succede, perché nel 2019 c’erano stati sì alcuni ambulanti, ma mai le aziende agricole. “Abbiamo a disposizione l’intero campo sportivo - dice Giovanni Donati organizzatore, tra gli altri, della Festa - e per chi vuole, può anche avere la luce. E’ un favore reciproco se la gente viene lo fa sia per gi prodotti esposti dagli ambulanti, ma anche per la Festa. E il Bagnoro si prepara dal 22 al 26 di giugno prossimi. Quattro giorni per rinascere dopo la pandemia, ma anche, prima del Covid, dopo la grande alluvione che ci fu nel luglio del 2019. “Finalmente torniamo a lavorare tutti insieme per il nostro piccolo ma tenace paese che ha saputo affrontare gli ingenti danni provocati dall’alluvione che l’ha colpito duramente il 27 luglio del 2019”, sottolineano tutti gli organizzatori della Pro Loco.
“L’aiuto e l’entusiasmo dei soci - commenta il presidente Simone Tonioni - ci hanno permesso di rimetterci in piedi e, nonostante la difficoltà nel reperire risorse per far fronte ai danni e le innumerevoli difficoltà legate ai due anni di Covid, siamo pronti a ripartire”. 
Quattro giorni intensi e un programma tutto da vivere. Con la novità delle aziende agricole che potranno esporre i loro prodotti:
“E’ proprio pensando a quanto la pandemia abbia colpito duramente tante categorie di lavoratori che il Consiglio direttivo della Pro Loco ha pensato di mettere gratuitamente a disposizione di venditori ambulanti e di aziende agricole una vasta area per esporre i loro prodotti e ritrovare un pieno contatto con una clientela vecchia e nuova - dice ancora il presidente Tonioni - Si tratta di un piccolo gesto teso a dimostrare una volta di più che le feste paesane o le sagre non si pongono in concorrenza con i commercianti ma, al contrario, offrono loro una nuova e maggiore visibilità in un’ottica di collaborazione e sostegno reciproco”. E dunque ci sono due settimane di tempo a disposizione delle aziende, per iscriversi alla mail messa a disposizione dalla Pro Loco del Bagnoro per partecipare alla festa. Riprendono alla grande le sagre che si erano addormentate per due anni e che sono tornate. Le prime due a Indicatore - Festa degli Antichi Sapoti - e a Battifolle - Sagra del Maccherone - che negli scorsi fine settimana hanno segnato già il tutto esaurito. Domenica si chiude invece Chiassa in festa, mentre poi toccherà proprio al Bagnoro che rialza la testa due volte: dopo l’alluvione del 2019 e dopo la pandemia.