Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, ex sede Enel comprata per tre milioni: al suo posto palazzo di cinque piani e due di garage. Lavori nel 2023

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Un moderno palazzo di cinque piani armonizzato con il contesto di via Petrarca sorgerà al posto del grande relitto dell’ex Enel da troppo tempo vuoto e inquietante a ridosso del centro storico. Il maxi cantiere aprirà i battenti nel primo semestre del 2023: progettazione in corso e contenuti dell’intervento edilizio già chiari. Due piani interrati di garage nel sottosuolo e cinque piani da mille metri quadrati l’uno sopra terra, di cui i primi due dedicati a negozi e uffici, e più in alto gli appartamenti. 
Finalmente qualcosa si muove per la grande costruzione di via Petrarca abbandonata a se stessa dopo il trasloco della società elettrica, spesso in balia del degrado e alloggio di fortuna per disperati a due passi da Piazza Guido Monaco. Un primo incontro ufficiale si è tenuto tra l'Amministrazione comunale e la nuova proprietà dell'ex Palazzo Enel, Cfda, acronimo che sta per Chiare fresche dolci acque, società aretina che crede fortemente nell’operazione immobiliare alla quale hanno lavorato nella fase preparatoria avvocati e tecnici. Il passaggio di proprietà per circa tre milioni e del mese scorso, quando Cfda ha rilevato il palazzo ex Enel da Rev, società bad bank controllata totalmente da Banca d’Italia nella quale erano confluiti i crediti di Banca Etruria dopo la risoluzione, tra cui, appunto, questo immobile oggetto di una controversia. Sciolte tutte le questioni pendenti che bloccavano l’affare, il palazzo è stato quindi comprato e il destino è già scritto: verrà demolito per lasciare spazio ad una costruzione tutta nuova. Già si può immaginare la complessità e la spettacolarità di quella fase di abbattimento, come saranno inevitabili certi disagi anche alla circolazione, ma è lo scotto da pagare per ciò che si attende da un bel pezzo. E cioè la ristrutturazione, in linea con la riqualificazione dell'intera area Cadorna. Proprio questo è stato l’oggetto dell’incontro tra il sindaco Alessandro Ghinelli, l'assessore all'urbanistica Francesca Lucherini e i rappresentanti legali della società Cfda, proprietaria dell'immobile. Un incontro - si legge in una nota diffusa da Palazzo Cavallo - nell'ambito del quale “è stata condivisa l'idea di una progettualità in linea con l'intera ristrutturazione dell'area dell'ex Caserma Cadorna e che contribuirà a disegnare il nuovo volto della zona compresa tra via Garibaldi e via Petrarca”. Ghinelli e Lucherini proseguono: “Abbiamo accolto con favore la volontà della società di condividere il nuovo progetto che insiste in una zona centrale e prestigiosa della città in continuità con il restilyng dell'intera area Cadorna ad esso adiacente. L'Amministrazione vigilerà sull'andamento di ogni fase della progettazione e dei lavori: siamo fiduciosi sulla prossima realizzazione dell'edificio che contribuirà alla piena valorizzazione di un'area centrale della città”.