Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Badia Tedalda: sindaco e giunta aiutano gli operai a tappare le buche

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

“Noi siamo una Giunta che asfalta”, ci gioca con le parole il sindaco di Badia Tedalda, Alberto Santucci, che, come ogni anno “ormai è il terzo, ma è la prima volta che lo pubblicizzo”, ha deciso, insieme al suo vice Ivano Sensi e all’assessore Antonio Cominazzi di “aiutare i due operai che abbiamo a tappare le buche per strada”. L’appuntamento ieri mattina alle ore 8.15 in piazza dei Tedaldi “con il camion pieno di sacchi”. Un lavoro che è durato per tutta la mattina, fino alle 13.30 e che ha fruttato l’asfaltatura di una strada “attualmente molto frequentata dai turisti - dice ancora Alberto Santucci - Abbiamo utilizzato circa 210 sacchetti”. E spiega anche, da buon primo cittadino di montagna dove a volte prendere vanga e cemento è quasi usuale, come fare a tappare le buche. “Basta prima di tutto ripulire la buca dentro - dice - e poi metterci un po’ di asfalto, o catrame come lo vogliamo chiamare e poi batterlo con i piedi. Un lavoro richiede una buona dose anche di sopportazione al caldo, nonostante siamo a Badia Tedalda”. Ma perché il sindaco e la sua Giunta per almeno due volte all’anno decidono di scendere in strada? “Semplice - spiega ancora Santucci, primo cittadino eclettico e certamente non nuovo ad iniziative per la sua comunità - perché abbiamo due soli operai e soprattutto sono addetti ai trasporti. Durante l’anno devono accompagnare i ragazzi a scuola, mentre una volta finito l’anno scolastico, c’è bisogno lo stesso per accompagnarli in piscina. Oppure per aiutare a spostare un anziano. Insomma sono sempre impegnati”. Da qui l’idea: “Circa tre anni fa abbiamo pensato di aiutare questi operai, Lorenzo e Lucia e abbiamo deciso di dedicare due giornate l’anno a rimettere a posto le buche del paese. E così eccoci qua. La prima giornata è andata e adesso vediamo quando possiamo rifare la seconda”. E la Giunta non è da sola a prendere zappa e catrame. “Stamani (ieri ndr) - dice ancora Santucci - oltre al vice sindaco Ivano Sensi e all’assessore Antonio Cominazzi, c’erano i consiglieri Quirino Capuano e Piero Pellizzari, poi due ragazzi Silio Venturi e Felicetto Bravaccini e poi c’erano altri amici. Una bella comitiva. Abbiamo iniziato intorno alle 8.30 e abbiamo finito verso le 13.30”. Un lavoro di squadra, merito anche: “Dell’armonia che c’è con la mia Giunta. Siamo un esempio di come l’unione fa la forza. Le buche da sistemare nel nostro paese sono davvero tante, ma se, come in questo caso, tutti insieme ci diamo una mano, possiamo fare lo stesso un buon lavoro”. Nel frattempo i due operai comunali che hanno procurato tutto il materiale: “sono stati con noi e hanno lavorato, fino a quando non sono stati chiamati per altri lavori”. E dunque ora, la domanda sorge spontanea: ci sarà un’altra giunta comunale che abbia voglia di seguire l’esempio?