Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, alle 12 campane a distesa per il nuovo vescovo. Ecco chi sarà

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Alle 12 di oggi, 15 settembre le campane suoneranno a distesa per annunciare l’arrivo del nuovo vescovo. Sarà Andrea Migliavacca, vescovo di San Miniato, a meno di clamorosi colpi di scena, a prendere il posto di Riccardo Fontana che lo scorso 20 gennaio, al compimento del suo 75esimo anno, ha rassegnato le dimissioni. Fontana, già lunedì pomeriggio, aveva invitato tutto il popolo - presbiteri della Diocesi, dei Diaconi, dei Ministri, dei membri del Sinodo diocesano - all’appuntamento di stamani in Cattedrale. La cerimonia si svolgerà in contemporanea oltre che ad Arezzo anche nella diocesi di provenienza del nuovo vescovo e quindi San Miniato e uscirà ufficialmente sul bollettino della Santa Sede.

 

 

Comincerà con l’Inno a San Donato, poi ci sarà la lettura dalla Seconda Lettera di San Paolo Apostolo ai Corinzi, l’invocazione dello Spirito Santo, l’orazione e la preghiera del vescovo. Si chiude dunque il periodo di Riccardo Fontana che ha presieduto la Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro dal 16 luglio 2009, ma lo stesso non lascerà Arezzo nonostante sia nativo di Forte dei Marmi. Resterà in città dove ha già pronto un appartamento in piazza San Domenico e dunque a pochi metri dal nuovo inquilino del vescovado. Ma chi è il nuovo vescovo che si appresta a prendere il testimone di Fontana? Andrea Migliavacca è nato a Pavia il 29 agosto 1967 e quindi da poco ha compiuto 55 anni. Dal 5 ottobre 2015 è vescovo a San Miniato. Quando venne eletto era il vescovo più giovane d’Italia, 48 anni, l’età minima per diventarlo. Tanto che le cronache dell’epoca riportano che subito dopo l’insediamento, insieme a seminaristi e sacerdoti arrivati da Pavia per festeggiarlo si concesse una birra in un pub di San Miniato. D'altronde, il primo incontro nella cittadina pisana, dopo la presentazione alla popolazione era stato proprio con i giovani. Aveva anche offerto la colazione ai giovani seminaristi in un bar del centro storico. “Una persona buona e con un cuore grande così”, dice chi lo conosce - anche di Arezzo - e chi in questi anni lo ha apprezzato nel suo modo di porsi soprattutto verso i giovani. E’ infatti molto attivo sui social canale usato per lo più dai giovani. Ed è proprio al loro modo di usare i social che si è rivolto a Pasqua, nel suo messaggio: “Bravi sono i giovani con Instagram; quelli con qualche anno in più con Facebook; un po’ tutti condividendo le foto su Whatsapp. Con le immagini parliamo, condividiamo pensieri, lanciamo messaggi, cerchiamo contatti. Le immagini che postiamo - fosse anche la foto con il cellulare inviata ad un amico o ad un familiare - parlano di noi, di quello che è racchiuso nel cuore, che vorremmo dire e non esce con le parole. Ecco allora la proposta: cerchiamo una immagine dell’annuncio di Pasqua, della luce della Risurrezione, della speranza della nostra bella fede. Ci state? La cercate anche voi? Immagino di inviarvi alcune mie immagini della Pasqua. Usando un po’ di fantasia potrete scoprire di riceverle sui vostri social e se volete condividetele”.

 

 

Impegnato anche nelle missioni in Tanzania a sostegno dei più poveri e degli scampati dalle guerre. Per il suo motto ha scelto la frase “Maestro dove abiti?", attribuita a Sant'Andrea (Gv 1, 38). Una continua ricerca di Gesù Maestro per testimoniare agli altri questa fondamentale esperienza di fede.[6] Insomma una figura che potrebbe facilmente fare breccia nel cuore degli aretini. Sempre che all’ultimo minuto, come ci insegna il pallone - a proposito è anche un grande sportivo, gli piace camminare - Papa Francesco non decide di virare su un altro nome. Come quelli che ancora - a poche ore dall’annuncio ufficiale - comunque circolano. Tra questi don Gabriele Bandini parroco di Rignano sull’Arno e sangiovannese di nascita. E ancora sembra che non siano tramontate del tutto le quotazioni del vescovo don Marco Salvi, attualmente vicario a Perugia. Ma come si dice, tutte le strade portano a Migliavacca. A mezzogiorno campane a distesa. Per la chiesa aretina, si apre una nuova era. Oggi l’annuncio e non è escluso che abbia mandato un primo messaggio ai fedeli e tra qualche settimana il suo ingresso.