Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, decine di famiglie senza corrente per 26 ore: il caso di Vitiano, i grossi disagi, le difficoltà di comunicazione, gli indennizzi

Esplora:

Luca Serafini
  • a
  • a
  • a

Senza corrente per più di un giorno. Dalle 14 di sabato alle 16 di ieri alcune decine di famiglie di Vitiano, anche con persone anziane e bambini piccoli, hanno sopportato i disagi del black out legato alla frustata del meteo, con l’esasperazione di un ping pong infinito di telefonate di aiuto a Enel, Comune, Vigili urbani, Carabinieri, che sembravano non trovare risposta. Raffiche di vento fortissime, il 17 settembre a Vitiano, zona via degli Oppi, hanno fatto cadere una pianta sulla Sr 73 e danneggiato la linea elettrica. Al buio i 18 alloggi dei Giardini di Vitiano, dove una volta c’era la mostra di mobili dell’azienda Velucchi e altre utenze: in tutto pare 46. Dal guasto alla soluzione, il tempo qui è sembrato scorrere in modo maledettamente lento. C’è voluta tanta pazienza. Ventisei ore di disagi di ogni tipo, anche per la mancanza di acqua negli appartamenti: sì, perché la lottizzazione non è collegata all’acquedotto e le case si servono di pozzi privati, quindi ko senza la luce. “Verso le 14 di sabato” ci spiegano in via degli Oppi “in coincidenza del forte vento e della pioggia, quando è caduto il pino in mezzo alla regionale, siamo rimasti senza corrente”. L’interruzione del servizio è stata vista sulle prime come una conseguenza inevitabile del maltempo: ci sarebbe stato da aspettare un po’, pensavano i residenti, ma presto tutto sarebbe tornato alla normalità. Invece no. Passavano le ore e il disservizio rimaneva tale. A vuoto le telefonate dei cittadini per capire e sollecitare. E con quello che si paga la corrente, l’esasperazione è da capire. A notte ancora niente corrente. “Un problema non di poco conto, soprattutto per certe situazioni con persone fragili”. La speranza di un risveglio migliore è andata in fumo: ieri mattina, infatti, ancora niente energia elettrica. “E nemmeno un gruppo elettrogeno, come avvenuto in zone alluvionate vicine”. La raffica di telefonate per lanciare l’appello non dava esito: segreteria telefonica della Protezione civile che rimandava al 112, squadra Enel che sembrava inafferrabile, lamentano i cittadini: risposte interlocutorie o disarmanti, in un crescendo di disappunto. Con il pensiero al tema del momento, il caro energia e le maxi bollette che presupporrebbe tempestività massima. Ai Giardini di Vitiano la luce finalmente è tornata alle 16 in punto. Enel si scusa per il disservizio ma, fa presente, si è trattato di un problema complesso ai conduttori della bassa tensione. E fa sapere che si terrà conto del problema con relativo indennizzo. Un’accortezza dovuta, in questi tempi ancor di più ma che, dicono gli interessati, non ricopre il forte disagio avuto.

NOTA DI ENEL

E-Distribuzione comunica che per segnalazioni e guasti di bassa tensione è necessario contattare 803.500, indicando il codice POD (nel formato IT001E…) dell’utenza riportato nella bolletta elettrica. Inoltre, è possibile registrarsi a e-Notify (https://www.e-distribuzione.it/servizi/Pratiche-e-comunicazioni/e-notify.html), servizio che consente di ricevere da E-Distribuzione sms, email o telegram su interruzioni di corrente per lavori programmati di manutenzione previsti nell'area geografica in cui si trova la propria fornitura, sullo stato di avanzamento delle pratiche o su interventi di tecnici in loco. È possibile, infine, ricevere informazioni sui canali social facebook e twitter E-Distribuzione nonché sul sito web www.e-distribuzione.it dove, nella sezione “interruzione di corrente”, la "mappa delle disalimentazioni" fornisce dati in tempo reale sullo stato della rete elettrica.