Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, cena della vittoria di Porta Santo Spirito: in 850 festeggiano il "cappotto" ad Arezzo Fiere e Congressi

Alessandro Bindi
  • a
  • a
  • a

Cena della vittoria gialloblù. In almeno 850 ad Arezzo Fiere e Congressi per celebrare la conquista della 39esima Lancia d’oro, grazie alla storica vittoria firmata da Elia Cicerchia e Gianmaria Scortecci che ha permesso alla Colombina di spiccare il volo sulla cima dell’albo d’oro. E’ il terzo cappotto quello siglato dai campioni del Saracino e il quarto per il quartiere in 90 anni di Giostra. Un successo nel successo per i giostratori che continuano a battere se stessi. Questa sera gli applausi e i brindisi saranno tutti per loro, artefici di un trionfo memorabile. Per il popolo della Colombina sarà quindi una festa indimenticabile e il cambio di location dettato dalle temperature e dalle previsioni meteo ha spinto molti quartieristi alla caccia al biglietto nelle ultime ore. Non è escluso quindi che la partecipazione questa sera sia superiore ai 900 partecipanti. “La scelta di non festeggiare la vittoria in piazza San Jacopo” spiega il rettore plurivittorioso Ezio Gori “come avevamo ipotizzato è stata dettata dalle condizioni meteo che mettono freddo e pioggia”. Il meteo avverso non preoccupa quindi ai Bastioni. “Sarà una ragione in più” sorride il rettore “per indossare il cappotto...”. “Un cappotto bello caldo” aggiunge il numero uno dei Bastioni “che farà comodo durante l'inverno considerando anche la crisi energetica”. C’è entusiasmo e gioia nell’aver regalato ai quartieristi di Porta Santo Spirito un’annata giostresca da record. Due lance d’oro e una vittoria della prova generale è la conferma di un lavoro costante che viene da lontano. Anche il successo riportato dalla coppia dei fratelli Niccolò e Elia Pineschi sarà un motivo in più per festeggiare. Tra i commensali sfilerà la 39esima Lancia conquistata insieme a quella vinta a giungo dedicata ai 150 anni dell’Istituto Thevenin. “E’ stata un'annata straordinaria” ribatte Ezio Gori “e la cena della vittoria sarà curata nei minimi particolari”. Per l'occasione è stato pubblicato il numero unico del periodico Il Bastione, eccezionalmente a colori, con gli scatti di domenica 4 settembre quando il popolo gialloblù ha alzato al cielo la Lancia d’oro dedicata al Comune di Arezzo nei 250 del motuproprio che ne determinò la nascita. Un trofeo, realizzato dall’artista Fabio Viale, che è stato riprodotto in miniatura come ormai tradizione, dal maestro Francesco Conti e che sarà regalato ai giostratori. Ad Arezzo Fiere e Congressi calerà un’atmosfera gioiosa e di sicuro i padiglioni si coloreranno di gialloblù. “Il consiglio direttivo” spiega Gori “ha incaricato un gruppo di lavoro che si è preso cura di organizzare la cena della vittoria. Sarà un bello spettacolo e una bellissima serata per i quartieristi alla quale parteciperanno anche le autorità cittadine e del mondo della Giostra del Saracino”. Sarà tutto previsto nei minimi dettagli ma di sicuro non mancheranno le sorprese riservate agli artefici della vittoria. C’è attesa anche di vedere come i quartieristi si presenteranno all’ingresso. Di sicuro sarà una divertente e simpatica sfilata di cappotti.