Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Arezzo ingrana la quarta: 12 punti, 11 gol fatti e solo uno subito. Indiani può sorridere

Nicola Brandini
  • a
  • a
  • a

AREZZO (4-3-3): Trombini; Pericolini (88' Dema), Polvani, Bruni, Zona; Settembrini, Castiglia (73' Forte), Bianchi (67' Damiani); Pattarello (70' Bramante), Diallo, Convitto (61' Gaddini).
A disposizione: Viti, Risaliti, Boubacar, Poggesi.
Allenatore: Paolo Indiani.

TERRANUOVA TRAIANA (3-5-2): Antonelli; Farini, Bega, Artini; Gautieri (79' Petrioli), Mazzei (62' Benucci), Cioce (91' Sestini), Massai, Maloku (75' Manchia); Sacconi, Schinnea (59' Ceppodomo).
A disposizione: D’Ambrosio, Gabbrielli, Minori, Castaldo.
Allenatore: Simone Calori.

ARBITRO: Costantino Cardella di Torre del Greco (Alex Arizzi di Bergamo – Manuel Cavalli di Bergamo).
RETI: 45' Convitto, 58' Castiglia.
Spettatori: 2232 paganti (1342 paganti, 890 abbonati). Recupero: 1' + 5’. Angoli: 3-3. Ammoniti: 27' Massai, 51' Gautieri, 80' Benucci.


Che non sarebbe stata una passeggiata per l’Arezzo si sapeva. Poi però il divario tecnico tra le due squadre è stato troppo evidente: l’Arezzo s’impone 2-0 grazie ai gol di Convitto e Damiani, rispettivamente a fine primo tempo e ad inizio ripresa. Primo tempo complicato per l’Arezzo che si è trovato davanti un Terranuova Traiana chiuso dietro e ben organizzato in difesa, pronto ad ogni occasione utile a ripartire in contropiede. Il palleggio degli uomini di Indiani è meno veloce del solito, ma in grado comunque di mettere in difficoltà la formazione valdarnese di mister Calori. Dopo appena cinque minuti l’Arezzo crea un paio di occasioni pericolose dalle parti di Antonelli, prima con una conclusione al volo di Castiglia ribattuta dalla difesa e poi con Pattarello che servito sul primo palo di prima intenzione spara sopra la traversa. Il Terranuova si chiude in difesa con cinque uomini per poi cercare le ripartenze. L’occasione arriva al 21’ con Sacconi che approfitta di una leggerezza della difesa amaranto ed entra in area: il suo sinistro è debole e facile preda di Trombini. L’Arezzo prova a colpire con i tiri dal limite: prima Convitto al 26’ poi Settembrini al 33’ non riescono a sorprendere il portiere Antonelli. Al 34’ la palla buona tra i piedi se la ritrova Gautieri che, servito in profondità, calcia da distanza ravvicinata sul primo palo. Fortunatamente per l’Arezzo poco preciso. La ripresa però si chiude con il vantaggio amaranto firmato Convitto. L’azione parte dai piedi di Settembrini che cerca sul filo del fuorigioco Diallo, Antonelli in uscita anticipa l’attaccante, ma sulla respinta l’ex Pianese è rapido a ribattere in rete. La partita si mette in discesa per l’Arezzo che raddoppia ad inizio ripresa: Castiglia di testa, su assist di Bianchi, beffa Antonelli con una traiettoria a pallonetto fissando il risultato sul 2 a 0. Partita virtualmente già chiusa. L’Arezzo controlla senza patemi e avrebbe un paio di occasioni per arrotondare il risultato: la prima al 60’ con Diallo che da distanza ravvicinata si vede respingere il tiro da Antonelli. La seconda a tempo quasi scaduto, con Damiani che da due passi non trova la porta con il destro. In mezzo, un secondo tempo senza particolari sussulti e la solita girandola di cambi. L’Arezzo vince senza troppo sforzo e si riprende la prima posizione in classifica. Sono quattro su quattro in campionato. Undici gol fatti, solo uno subìto. Indiani può sorridere.