Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Arezzo capolista è concentrato: ospita il Ponsacco e vuol tornare a pigiare sul gas

Riccardo Buffetti
  • a
  • a
  • a

Siamo arrivati al match day per l’Arezzo che questo pomeriggio al Comunale “Città di Arezzo” affronterà il Mobilieri Ponsacco per l’ottava giornata di Serie D. Per la gara è attesa grande partecipazione da parte dei tifosi: si prospetta di superare le 2mila presenze.

Dopo il pareggio a reti bianche ottenuto domenica scorsa sul campo del Ghiviborgo, la compagine amaranto ha dato una bella prova di forza nel turno infrasettimanale di Coppa Italia andando a vincere 4-3 contro il Livorno. Nella consueta conferenza stampa di presentazione dell’incontro, ieri mister Indiani ha parlato così delle due competizioni: “Campionato e Coppa sono due realtà diverse, ma l’aver vinto in un palcoscenico come l’Ardenza e con tanti tifosi al seguito ci deve dare ulteriore stimolo e forza. E’ stata l’ennesima dimostrazione - come ho già avuto di dire ai ragazzi - che siamo all’altezza di giocare contro tutti, e di farlo mantenendo un’ottima costanza”.

Poi uno sguardo attento alla gara odierna, senza fidarsi troppo della classifica (Arezzo primo con 19 punti, Ponsacco decimo con 9): “Difficile che possa essere una partita che terminerà con due o tre reti a nostro favore, anche se lavoriamo perché succeda. Il Ponsacco sta facendo bene in campionato - prosegue Indiani - considerando anche che ha perso a Livorno solo nei minuti di recupero e con una autorete. Sono una squadra che quando si mette dietro alla linea della palla lo fa con tante persone; tatticamente potrebbero giocare con il trequartista così come con quattro in mezzo al campo e due attaccanti. Sarà comunque una partita complessa”.

Sulla formazione che scenderà in campo alle 15, non si sbilancia: “Le novità nell’undici iniziale ci sono sempre: mercoledì in Coppa la formazione è stata per esempio diversa da quella di domenica. Abbiamo tratto ottimi spunti sulle soluzioni che avevamo pensato in allenamento anche se diverse rispetto a chi ha interpretato la gara a Livorno, ma credo che gli esperimenti siano stati positivi”.

Sull’infermeria amaranto, che si sta pian piano svuotando, dice: “Damiani sarà a disposizione della partita poiché è stato in gruppo per tre giorni. Gaddini, invece, non si è mai allenato con noi mentre per Castiglia, vedremo”. Come riportato dal mister in sala stampa, tutti convocati i giocatori amaranto per questo pomeriggio all’infuori del solo Gaddini. Anche oggi, come detto, si prevede un buon pubblico.