Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Camion contro auto: la donna morta andava al lavoro in Comune ad Arezzo. Dolore anche alla Asl, il marito è infermiere dell'emergenza

  • a
  • a
  • a

E' una mattina nera, nerissima, per Arezzo. Si piange in Comune dove lavorava come impiegata la donna morta nell'auto centrata da un camion a Marcena sulla 71; si piange all'Asl Toscana sud est dove lavora il marito della 41enne, valente infermiere dell'emergenza autore di salvataggi balzati anche nelle cronache. Dolore a Capolona dove la vittima, Linda Cecconi, abitava con la famiglia: dal paese del basso Casentino era partita per recarsi allo Sportello unico in piazza Fanfani. Non ha potuto evitare l'impatto ed è deceduta sul colpo nell'auto andata distrutta. Aveva 41 anni.

 

 

 

Alla Polizia Municipale il compito di ricostruire la dinamica esatta dell'incidente stradale che ha visto coinvolte oltre al camion alcune vetture: il mezzo pesante sarebbe finito nella corsia opposta dove sopraggiungeva la macchina con a bordo la dipendente comunale. Coinvolti altri mezzi che seguivano. Erano le 7.41, I feriti sono quattro:  due uomini di 41 e 67 anni e una donna di 59.

Sul posto numerose ambulanze ma per Linda Cecconi non c'era nulla da fare. La notizia ha gelato i colleghi di lavoro che la attendevano come ogni mattina al suo posto. In lacrime anche il direttore del dipartimento dell'emergenza urgenza, Massimo Mandò: il marito della vittima, Maurizio Marini, è un esperto e valido operatore in grado di manovrare anche gli strumenti più moderni di rianimazione e di soccorso.

Aperto un fascicolo dalla procura di Arezzo per omicidio stradale. Il secondo in due giorni. Ieri il decesso di Ilaria Cresci, madre di 35 anni, di Rapolano, investita in via Romana da un camper davanti agli occhi del marito e del figlio di cinque anni. Le lesioni alla testa hanno provocato il coma irreversibile e al Cto di Careggi è stata accertata la morte cerebrale. Donati gli organi. Per Arezzo e provincia un periodo difficile con troppe vittime sulle strade, strisce d'asfalto ad altissima pericolosità. Un tema sul quale probabilmente serve una riflessione generale a più livelli.

L.S.