Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, Porta del Foro: il rettore Felici fa il pieno di fiducia, ritira le dimissioni e fissa gli obiettivi. Le scuderie tra le priorità

Sara Polvani
  • a
  • a
  • a

Si ricompatta il Consiglio direttivo di Porta del Foro. Negli ultimi tempi c’era stata infatti aria di maretta nel quartiere giallocremisi, culminata con le dimissioni presentate lunedì scorso da parte dal rettore Roberto Felici e poi insieme a lui da due consiglieri, ovvero il Maestro d’armi Diego Giusti e il provveditore Carlotta Grassi, ma tutto è rientrato ed è tornato un clima sereno. 

Nell’ultimo Consiglio dello scorso giovedì sera, le loro dimissioni sono state respinte. Quello che ci voleva per proseguire gli importanti progetti messi in cantiere dal Quartiere. “È andata bene”, spiega il rettore Felici. “Il Consiglio si è ricompattato. Sono molto contento di questo. Il Consiglio ha chiesto, a me e agli altri due consiglieri, di ritirare le dimissioni, quindi le abbiamo ritirate”. 

 

 

 

Tutto è andato per il meglio quindi, con la ritrovata unità del Consiglio direttivo. “Diciamo che nella vita associazionistica di un quartiere a volte devi anche rimetterti in discussione”, prosegue Felici, “quindi anche il gesto, pur molto pesante e doloroso, di mettere a disposizione del Consiglio la mia figura, mettendo sul tavolo le dimissioni, era lo specchio di un malessere che vedevo nella gestione degli ultimi tempi del Consiglio, che non vedevo convinto nel perseguire un progetto che avevo annunciato con la mia rielezione. Quindi avevo rimesso il mandato al Consiglio perché se fossi stato io il problema mi sarei dimesso. Invece ho avuto la fiducia del Consiglio e questo mi auguro possa far ritrovare la fiducia a tutti, per collaborare nell’interesse migliore del Quartiere”.

 

 

 

Le sfide davanti sono molte. Sono 27 le Lance d’Oro conquistate finora dai giallocremisi (ultimi tra i quattro quartieri), la vittoria più recente è del giugno 2019. In vista della Giostra di giugno, il Quartiere è impegnato da tempo nel portare avanti l’importante progetto della realizzazione delle Scuderie a Petrognano. Il Consiglio direttivo di Porta del Foro per il triennio 2022/2024, preso atto della ratifica da parte della Magistratura della Giostra dei risultati elettorali, si è insediato lo scorso 17 gennaio.

Nella stessa seduta sono state attribuite le cariche sociali, che hanno visto la riconferma all’unanimità di Roberto Felici nel ruolo di rettore per un secondo mandato. Durante l’ultimo Consiglio, con la riconferma del rettore e dei due consiglieri, sono seguite le dimissioni dei consiglieri Gabriele Giusti (cancelliere) e Paolo Lepri. Nel prossimo Consiglio sarà discusso se accettare o meno le dimissioni degli uscenti. In caso affermativo questi dovranno essere surrogati tra i primi dei non eletti, che sono Gianni Cantaloni e Jacopo Innocenti, se daranno la loro disponibilità ad entrare in Consiglio. Un nuovo Consiglio ratificherà le nomine e le trasmetterà alla Magistratura. 

“Il mio era un gesto che serviva a vedere se si ritrovava una più forte unità”, conclude il rettore Roberto Felici. “Si preannuncia un periodo di grande lavoro e se non c’è armonia nel Consiglio è anche difficile portare avanti questi progetti”.