Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Settembrini dopo il pareggio tra Arezzo e Livorno: "Altri si sarebbero rassegnati, noi no". Mister Indiani: "Bel gruppo"

Riccardo Buffetti
  • a
  • a
  • a

Arezzo - Livorno 1 a 1. In sala stampa, nel post partita, mister Indiani si è detto soddisfatto dell’atteggiamento espresso dalla squadra, che nonostante l’inferiorità numerica a partire dal 24' ha dimostrato tante qualità. (Fotoservizio di Federico Roggi)

 

 

 

“C’è un pizzico di rammarico per l’episodio dell’espulsione, che va al di là di tutto quello che prepari fino alla domenica. I ragazzi hanno fatto una partita straordinaria, giocando uno in meno e con lo svantaggio. Devo dire loro solo bravissimi; hanno dimostrato che possiamo farcela a raggiungere il nostro obbiettivo e che sono un gruppo bello, che in campo ha dato tutto”.

 

 

 

Sul modulo del Livorno, che si è presentato ad Arezzo con un inedito 3-5-2: “Avevamo messo in preventivo un loro cambio dal punto di vista tattico, ma in risposta a questo posso dire che i primi venticinque minuti siano stati significativi: al di là del loro assetto, noi non abbiamo segnato. Vero, abbiamo delle difficoltà dal punto di vista offensivo, ma nel complesso sono stati straordinari in questa partita”. 

 

 

 

Dello stesso avviso anche il capitano dell’Arezzo, Andrea Settembrini, che ha segnato la sua seconda rete stagione, ma al contempo ha anche sbagliato il secondo rigore consecutivo: “Tante squadra si sarebbero rassegnate dopo esser andati in svantaggio e con un uomo in meno, noi invece siamo stati bravi a tirar fuori le nostre doti tattiche, tecniche e di cuore. Anche chi era in panchina ha incitato dall’inizio al novantesimo i dieci in campo, tenevamo tutti al risultato”.

 

 

 

E poi, da aretino, su cosa prova a giocare questo tipo di partite: “Ogni volta che entro in campo e vedo gli ultras e i tifosi cantare, per me è un’emozione immensa, così come lo è giocare per questa squadra”. Sui rigori: “Non credo sia sfortuna, quanto colpa nostra nel valutare come calciarli”.

 

 

 

L’allenatore avversario, Collacchioni, dopo il pari ottenuto in terra aretina “C’è tanto da dire, venivamo da una settimana particolare, e tornare a Livorno con dei punti non è assolutamente scontato. La squadra si è sempre messa a disposizione, ripartiamo da qua. Abbiamo mantenuto un atteggiamento giusto, non siamo una sorpresa: la partita si è messa nel migliore dei modi per noi, forse con un pizzico di lucidità potevamo chiuderla, ma le tante dinamiche fisiche e mentali non ci hanno permesso di farlo”.