Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Arezzo riprende la corsa, mister Indiani: "Bene in undici e meglio in dieci ma andava chiusa prima"

Riccardo Buffetti
  • a
  • a
  • a

Arezzo - Grosseto 2 a 1. Nel post gara mister Indiani si è soffermato sulla prima frazione di gioco: “La partita andava chiusa nel primo tempo: due reti sono come sempre una miseria per ciò che abbiamo espresso. Il calcio è questo, da una vittoria larga e una partita che doveva essere in cassaforte prendi un gol da palla ferma e subito dopo l’espulsione, la seconda di fila in casa".

(foto Federico Roggi)

 

 

"La squadra è bellissima, anche in inferiorità abbiamo continuato a giocare noi e credo che non abbiamo mai rischiato nemmeno una volta di prendere il pari. Per cui giudico un’ennesima prestazione bella. In dieci abbiamo mantenuto molto bene il risultato, purtroppo se nel primo tempo il punteggio fosse stato più largo anche gli episodi che arrivano dopo si riescono a gestire in modo differente. Così siamo stati più in tensione. Alla fine bravi in undici, ancora meglio in dieci. Sono più contento del finale che dell’intervallo: il doppio vantaggio mi sembrava troppo poco e alla fine sono stati bravissimi”. 

Sul nuovo acquisto, Gucci, che ha esordito con la maglia dell’Arezzo, dice: “Prima mettiamo Gucci in condizione, può rendere poco al momento visto che è un mese che non giocava”. 

 

 

 

Felice per la prestazione, condita dalla prima rete stagionale, il centrocampista amaranto Sebastiano Bianchi: “La rete è stata importante per la squadra. Sono molto contento che sia arrivata oggi e che sia servita a prendere i tre punti. Siamo una squadra di grande carattere e anche in inferiorità riusciamo ad andare avanti, anche grazie al pubblico che ci dà una spinta in più”. 

Al tecnico del Grosseto Liguori è piaciuto “l’approccio alla gara, importante lo definirei, siamo entrati in campo con personalità e abbiamo cercato di tener botta contro l’Arezzo. Mi riporto a Grosseto la prestazione, non abbiamo mollato e potevamo soccombere, invece siamo rimasti sempre in partita. Dovevamo sfruttare meglio la superiorità in campo, ma la differenza a livello di organico fra noi e loro si vede bene”