Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Arezzo, il vescovo Migliavacca entra da corso Italia e attraversa la Città del Natale

Francesca Muzzi
  • a
  • a
  • a

Tra le luci della Città del Natale, scortato dalla Municipale. Il vescovo Andrea Migliavacca sta per fare il suo ingresso nella Diocesi di Arezzo e la città si prepara ad accoglierlo. Domenica 27 novembre, il piano per accompagnarlo prima in Comune e poi in Duomo, è stato studiato nei minimi dettagli. Sarà la polizia Municipale, con in testa il comandante Aldo Poponcini, a scortare Migliavacca fino in Comune dove sarà accolto dalle autorità e poi in Duomo dove ci sarà la celebrazione della messa e poi il passaggio di testimone con il vescovo Riccardo Fontana che in questi giorni sta traslocando nella nuova casa di piazza San Domenico. Il percorso che affronterà Migliavacca insieme ai giovani, troverà il suo culmine nella “processione” che muoverà da piazza San Francesco e poi attraverserà via Cavour, via dei Pileati, via dell’Orto e salirà fino in piazza della Libertà dove ci sarà l’incontro nella Sala del Consiglio con il sindaco Alessandro Ghinelli e con le altre autorità cittadine. Dal Comune, sempre scortato dai vigili urbani, il vescovo Migliavacca andrà in Duomo. Alle 17.30 ci sarà infatti la celebrazione della Messa solenne e la presa di possesso della diocesi. In Cattedrale, insieme a tutto il popolo di Dio, il vescovo incontrerà il clero nel suo insieme, con cui condividerà una giornata durante il tempo di Avvento. Una giornata che però partirà molto prima fin dalla mattina. Alle 10.30 infatti a Viciomaggio, Migliavacca incontrerà i ragazzi dell’Istituto Medaglia Miracolosa, una realtà di eccellenza sul fronte della riabilitazione e gli alunni della scuola retta dalle suore di Santa Marta. Il cammino di ingresso proseguirà per pochi chilometri, in un’altra frazione del comune di Arezzo, Agazzi, dove dal dopoguerra i padri passionisti gestiscono l’Istituto Madre della Divina Provvidenza, un’eccellenza sul fronte della promozione della disabilità e in molti ambiti sanitari. Poi il vescovo Migliavacca si sposterà alla Casa circondariale di Arezzo. Qui incontrerà i detenuti e le loro storie di sofferenza. Il presule si recherà poi alla parrocchia di San Francesco Stigmatizzato in Saione, dove si intratterrà dalle 12.30 alle 15. In questo lasso di tempo incontrerà gli immigrati, le realtà caritative e le sorelle di Gesù Povero, che prestano il loro servizio all’interno della parrocchia.
Dopo un pranzo al sacco, alle 14.30, sui “campini” dell’oratorio di Saione, il nuovo vescovo parteciperà alla Giornata diocesana dei Giovani. Giornata che prosegue poi nella basilica di San Francesco, dove alle 15.30 è previsto un incontro con i giovani, che, dopo un momento di preghiera, cammineranno insieme al vescovo fino a piazza della Libertà. Migliavacca avrebbe voluto che la “processione”, per raggiungere il duomo, iniziasse proprio da Saione, ma considerata la Città del Natale e il grande afflusso di turisti, partirà da piazza San Francesco. Arezzo si prepara per la grande festa.