Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il Comune ha ricordato il dipendente Luigi Coppola: targa in via Tagliamento

default_image

Antonella Lunetti
  • a
  • a
  • a

Sono passati due anni ma il ricordo di Luigi Coppola rimane intatto nella memoria dei dipendenti e degli amministratori del Comune di Arezzo. Aveva 50 anni e nel dicembre del 2012 stava lavorando a riparare una buca sull'asfalto di una strada nei pressi di Ruscello. Venne investito e ucciso da un furgone, lasciando la moglie e i due figli. “Oggi ne ricordiamo la generosità e l'impegno che metteva ogni giorno nel servizio – ha detto il pro Sindaco Stefano Gasperini, durante la cerimonia celebrata lunedì 29 dicembre -. Qualità umane, quelle di Luigi Coppola, che ritroviamo nel figlio Antonio, che continua a lavorare con noi e che onora la memoria del padre”. L'assessore alla manutenzione del Comune di Arezzo, Franco Dringoli, ha ricordato lo smarrimento e il dolore di tutta la struttura quando giunse la telefonata dell'incidente. “Le morti bianche fanno purtroppo parte della cronaca e della storia del nostro Paese. Ma siamo abituati a leggerle sui giornale e non a vederne vittima una persona con la quale lavoriamo quotidianamente”. Dopo la breve cerimonia di ricordo, alla presenza dei familiari, di amministratori e dipendenti comunali, è stata deposta una corona alla base della targa che, all'ingresso della sede di via Tagliamento della Manutenzione, ricorda appunto Luigi Coppola.