Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Isis: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

Sergio Casagrande
  • a
  • a
  • a

È l'Italia il prossimo obiettivo dello Stato islamico dopo la Spagna e la Russia. È quanto riporta alle 17.00 del 19 agosto 2018 il Site citando un comunicato pubblicato dall'Isis su Telegram. Il Site, è il sito statunitense di analisti sul terrorismo riconosciuto come uno dei più profondi conoscitori delle comunicazioni Isis da ritenersi attendibili. Intanto il presidente  Paolo Gentiloni, a quanto si apprende, nel pomeriggio del 19 agosto 2017 sta seguendo personalmente da Palazzo Chigi gli sviluppi delle indagini degli attentati in Spagna e Finlandia dove sono stati coinvolti alcuni italiani e le misure di prevenzione e di sicurezza adottate in Italia. Gentiloni, viene spiegato, è in contatto costante con i ministri degli Esteri e dell'Interno. Proprio il 19 agosto 2017 il Viminale ha comunicato che 2 cittadini marocchini ed un cittadino siriano sono stati espulsi dal territorio nazionale per motivi di pericolosità sociale.   Uno dei tre è un 38enne marocchino, detenuto per reati comuni, emerso all'attenzione degli investigatori nell'ambito del monitoraggio del D.A.P. Nel 2016 era stato infatti inserito nel 2^ livello «Medio» a seguito di una denuncia presentata dal suo compagno di cella perché vessato con rigide regole di convivenza dettate dalla sua visione integralista del credo islamico. Lo scorso aprile, il marocchino è transitato nel 1^ livello «Alto» in quanto, insieme ad altri detenuti, dopo aver appreso dai telegiornali della notizia della strage terroristica di Stoccolma, ha chiaramente ed inequivocabilmente festeggiato, inneggiando all'evento terroristico perpetrato nella capitale svedese. Il terzo espulso è un siriano che utilizzava anche un alias di un cittadino tunisino. Nel 2015 era stato tratto in arresto per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e sottoposto alla misura cautelare dell'obbligo di dimora presso la sede di Brognaturo (VV) della Cooperativa «Stella del Sud», ove in diverse circostanze si è evidenziato per condotte prevaricatrici nei confronti di altri ospiti e degli operatori. In particolare, aveva espresso apprezzamento nei confronti degli autori dell'attentato terroristico di Manchester e tentato di avviare una operatrice del centro verso la conversione all'Islam. Successivamente, aveva avuto un diverbio con un operatore della cooperativa d'accoglienza per motivi legati alla sua visione della religione islamica. Già nel 2011 nei suoi confronti erano stati emessi due decreti di espulsione, riuscendo sempre a sottrarsi all'esecuzione degli stessi. Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel proprio Paese dal gennaio 2015 ad oggi.