Sergio Casagrande in bianco e nero

LAPIS

Gerusalemme e la speranza infranta

09.12.2017 - 12:15

0

La scelta di Donald Trump è stata davvero clamorosa, addirittura storica.
E’ vero che lo aveva promesso già in campagna elettorale. Ma nessuno, fino a pochi giorni fa, era pronto a scommettere che il presidente degli Stati Uniti d’America sarebbe passato realmente dalle parole ai fatti.


Riconoscere Gerusalemme capitale di Israele, trasferendoci la sede dell’ambasciata da Tel Aviv, non è una formalità qualunque. Ma è un atto che spacca il solco tracciato da decenni di trattative e accordi che avevano, se non placato gli animi, gettato quantomeno le basi attorno a una flebile speranza di una possibile soluzione dell’eterno conflitto dell’area più calda della terra. Una speranza traballante, minacciata quotidianamente, ridotta a volte quasi a un velo di facciata e ritenuta da tanti un semplice miraggio, ma pur sempre una speranza. E, per giunta, l’unica.


Due popoli per due Stati, due Stati per una città sono le ultime possibilità rimaste in mano ai negoziatori per poter indurre le parti a non rialzare il tiro. Ma ora una forzatura come quella fatta da Trump infrange gli equilibri e rischia di avere conseguenze devastanti non solo nel confronto tra due popoli (israeliano e palestinese) ma anche in quello tra due mondi (quello schierato dalla parte palestinese e quello schierato con gli israeliani). Mondi che includono, purtroppo, anche realtà pregne di ideologie, fanatismi religiosi, odi e rancori.


Gerusalemme è già una capitale riconosciuta universalmente: è la capitale delle tre principali religioni monoteiste della Terra. E la storia dei tanti conflitti nati all’interno delle sue mura o ruotateli attorno inizia nella notte dei tempi ed è un monito per tutta l’umanità.


Riconoscerla ora come una capitale politica unilaterale, più che una forzatura per una soluzione, può rivelarsi una scelta davvero esplosiva. E in un periodo in cui le tensioni in giro per il pianeta sono diventate davvero tante, una cosa è sicura: è una novità di cui chi ancora sogna un mondo di pace non ne sentiva il bisogno. Come non sentiva il bisogno di molte altre scelte avventate che in questo agitato inizio del terzo millennio invece di ottenere soluzioni hanno soltanto riacceso focolai che potevano rimanere sopiti. E a Gerusalemme il fuoco cova da più di mille anni. E neppure sotto la cenere.
Sergio Casagrande
sergio.casagrande@gruppocorriere.it
Twitter: @essecia

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Il leader delle Sardine Santori: "Se continuiamo così il populismo ha già perso"

Il leader delle Sardine Santori: "Se continuiamo così il populismo ha già perso"

(Agenzia Vista) Bologna, 19 gennaio 2020 Il leader delle Sardine Santori: "Se continuiamo così il populismo ha già perso" A Bologna l'evento delle sardine in Piazza VIII Agosto. Sul palco saliranno i Malavoglia, Le Altre di B, Mario Ferrara, Joycut, Rumba de Bodas, Matilda De Angelis e Cristiana Dell'Anna, Skiantos, Fabrizio Barca e Patrizio Roversi, Casa del Vento, Barbabardò, Sandro Ruotolo e ...

 
Il leader delle Sardine Santori: "Siamo nati perché ci  eravamo rotti i co****ni"

Il leader delle Sardine Santori: "Siamo nati perché ci eravamo rotti i co****ni"

(Agenzia Vista) Bologna, 19 gennaio 2020 Il leader delle Sardine Santori: "Siamo nati perché ci eravamo rotti i co****ni" A Bologna l'evento delle sardine in Piazza VIII Agosto. Sul palco saliranno i Malavoglia, Le Altre di B, Mario Ferrara, Joycut, Rumba de Bodas, Matilda De Angelis e Cristiana Dell'Anna, Skiantos, Fabrizio Barca e Patrizio Roversi, Casa del Vento, Barbabardò, Sandro Ruotolo e ...

 
Libia, Merkel: "Tutti d'accordo su soluzione politica"

Libia, Merkel: "Tutti d'accordo su soluzione politica"

(Agenzia Vista) Berlino, 19 gennaio 2020 Libia, Merkel: "Tutti d'accordo su soluzione politica" “Siamo Stati Uniti nel dire che crediamo che una soluzione politica sia necessaria, è diventato molto evidente nelle ultime settimane e negli ultimi mesi che non può esserci soluzione militare a questo conflitto perché andrebbe solo ad accrescere la sofferenza del popolo libico.” Così la Cancelliera ...

 
Libia, Di Maio: "Accordo fa ben sperare per futuro popolo libico"

Libia, Di Maio: "Accordo fa ben sperare per futuro popolo libico"

(Agenzia Vista) Berlino, 19 gennaio 2020 Libia, Di Maio: "Accordo fa ben sperare per futuro popolo libico" "Accordo fa ben sperare per futuro popolo libico". Così il ministro degli Affari Esteri, Luigi Di Maio, incontrando la stampa al termine della Conferenza di Berlino sulla Libia. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Chiara Ferragni, selfie bomba a seno nudo davanti allo specchio. Solo una mano per coprirsi

Social

Chiara Ferragni, selfie bomba a seno nudo. Solo una mano per coprirsi

E' una foto un po' a sorpresa quella che Chiara Ferragni pubblica nelle sue storie Instagram. Dopo tante immagini con il figlio Leone o comunque un po' caste, la modella e ...

20.01.2020

Grande Fratello Vip 2020, Antonella Elia e Ivan Gonzalez sotto la doccia al ritmo degli Abba. Video

Nella Casa

Grande Fratello Vip 2020, Antonella Elia e Ivan Gonzalez sotto la doccia al ritmo degli Abba. Video

Grande Fratello Vip 2020 sotto le telecamere 24 ore su 24. I concorrenti della Casa sono spiati costantemente e fra questi attimi c'è anche quello del relax. Per approfondire ...

20.01.2020

Gianluca Vacchi, struggente dichiarazione d'amore a Sharon Fonseca su Instagram

Social

Gianluca Vacchi, la struggente dichiarazione d'amore a Sharon

E' una vera e propria dichiarazione d'amore quella che Gianluca Vacchi fa alla sua fidanzata Sharon Fonseca, naturalmente via Instagram, a "beneficio" anche dei suoi 14,6 ...

19.01.2020