Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Conte: "Revocheremo la concessione ad Autostrade". Stanziati i primi 5 milioni

Mauro Barzagna
  • a
  • a
  • a

Al termine del consiglio dei ministri straordinario che si è tenuto alla prefettura di Genova nel pomeriggio di mercoledì 15 agosto, il premier Giuseppe Conte ha annunciato che il governo ha decretato lo stato di emergenza per 12 mesi in conseguenza del crollo del ponte Morandi. Sono stati stanziati 5 milioni dal fondo emergenze nazionali come prima misura del governo per intervenire sulla tragedia. "Tragedie come questa sono inaccettabili in una società moderna e non devono accadere, faremo di tutto per evitare si verifichino ancora. Per questo - ha aggiunto il presidente del consiglio, affiancato dai vice Salvini e Di Maio e dal ministro Toninelli - disporremo la revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia: non possiamo attendere i tempi della giustizia penale, abbiamo l'obbligo di far viaggiare in sicurezza. Non c'è dubbio che ad Autostrade toccassero onere e vincolo di manutenzione del viadotto". Tra le misure adottate, ha aggiunto il premier, "ci orienteremo verso la nomina di un commissario ad hoc, una persona indipendente e garante della ricostruzione". Il numero delle vittime si è stabilizzato a 39, 16 i feriti, di cui 12 in codice rosso, 632 gli sfollati nelle abitazioni che si trovano nei pressi del ponte crollato.