Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il Consiglio comunale per la priva volta in Valle Santa

La Verna, il santuario

Antonella Lunetti
  • a
  • a
  • a

Per la prima volta nella storia del Comune di Chiusi della Verna il Consiglio comunale si è riunito in Valle Santa, esattamente a Corezzo. "Come promesso i nostri consigli comunali si svolgono su tutto il territorio - ha esordito il sindaco Giampaolo Tellini - E presto lo faremo anche a Val della Meta. E' un nostro impegno e lo porteremo avanti. Sono infatti molto contento che la Valle Santa abbia sostenuto due consiglieri". Come da primo punto all'ordine del giorno, dopo il saluto del primo cittadino, è stato approvato, con otto voti a favore e due contrari, l'assestamento di bilancio di previsione, chiuso in equilibrio. "Abbiamo investito 20mila euro sulle strade del territorio, 11mila sugli impianti di illuminazione ed il fondo di riserva ammonta in totale a 19.300 euro che saranno impiegati entro il 31 dicembre 2014, in caso di situazioni di emergenza" ha spiegato Tellini, che ha fornito importanti numeri anche sulla gestione delle mense scolastiche. "Abbiamo cambiato sistema, puntando su prodotti locali e sul biologico. Una scelta che, dall'apertura delle scuole, ha determinato un risparmio di 8500 euro nei tre istituti del territorio: 2500 a Corezzo, 5mila al Corsalone e mille a Chiusi della Verna". Al secondo punto all'ordine del giorno il passaggio obbligatorio per legge, dal prossimo primo gennaio, di funzioni in associato all'Unione dei Comuni, per i Comuni sotto ai 3mila abitanti. Otto i sì e due i no, ed il provvedimento è passato. "Da cinque mesi sono all'Unione come sindaco - ha commentato Tellini - Stiamo lavorando per cambiare ed avere un rapporto anche con Bibbiena e Pratovecchio Stia, che sono fuori da questo ente. Come sindaci stiamo spendendo molte energie, personalmente ho le deleghe ai lavori pubblici, all'edilizia e sono responsabile della protezione civile per tutta la vallata. Su quest'ultimo elemento voglio anticipare che sto portando avanti il nuovo piano di protezione civile ed ho inserito tra le strutture da utilizzare in caso di emergenza il Mercatale di Corezzo e l'Auditorium di Chiusi della Verna. Inoltre sono stati fatti i lavori sul fiume Corsalone. Nel nostro territorio ci sono due aree a rischio esondazioni, appunto quella del Corsalone ed a Rimbocchi, dietro alla pizzeria. Quest'ultimo tratto l'abbiamo inserito nei nuovi finanziamenti regionali per la messa in sicurezza contro il rischio idrogeologico, come anche il fosso del Fusato a Chiusi". Infine, ha terminato il sindaco illustrando la "campagna verità" che sta portando avanti "Ho messo in piedi un confronto con tutte le associazioni del territorio. Non vogliamo che si ricreino attriti tra associazioni, perchè per noi il volontariato è un valore aggiunto. Come sindaco, quindi, non voglio, che come avvenuto in passato le associazioni siano lasciate senza un punto di riferimento all'interno dell'Amministrazione, ed abbandonate in uno stato di anarchia totale. Il ruolo del sindaco è anche quello di far socializzare tra di loro le associazioni, altrimenti non possono portare avanti attività sociali".